Olimpiadi a Pechino,solo Sarkozy è fuori dal coro

Boicottaggio a Pechino,
Sarkozy: tutto è possibile

Il presidente francese nel corso di una visita a Trabes: «Tutto dipenderà dalla Cina»

«Tutte le opzioni sono aperte» riguardo al boicottaggio della cerimonia inugurale delle Olimpiadi di Pechino 2008. Lo ha dichiarato il presidente francese, Nicolas Sarkozy, nel corso di una visita a Tarbes, nel dipartimento degli Alti Pirenei. Il presidente Sarkozy è tornato a parlare dell’eventuale boicottaggio della cerimonia inaugurale dei giochi olimpici di Pechino affermando che «tutte le opzioni sono aperte… tutto è possibile».

Sarkozy ha detto di aver «manifestato al presidente (cinese Hu) Jintao viva preoccupazione» sulla situazione in Tibet chiedendogli quale «fosse la sua posizione rispetto alla ripresa del dialogo». Il capo dello Stato francese ha detto di avere «un emissario che è stato in contatto con i collaboratori più stretti del dalai lama. Voglio che il dialogo cominci e prenderò una decisione in funzione della risposta che sarà data dalle autorità cinesi», ha affermato. «Tutte le opzioni sono possibili, dipenderà dal senso di responsabilità dei dirigenti cinesi», ha aggiunto Sarkozy.

Da la stampa web

Sondaggio La stampa

Sareste favorevoli a boicottare le Olimpiadi di Pechino?
[4149 voti totali]

Sì (3658)
88%
No (491)
11%

Finalmente una presa di posizione sulla situazione in Tibet, il premier francese è stato chiaro, tutto è possibile se non inizierà un dialogo tra il Dalai Lama e le autorità cinesi, l’unica voce europea che non si nasconde dietro ad un dito, aggiungerei che non solo sul Tibet si debba fare chiarezza in Cina, bensì dovrebbe iniziare una glasnos sui mancati diritti dell’uomo in quel paese continente, a cominciare dalla pena di morte con processi sommari, al capitalismo di stato votato all’economia più becera,ai diritti dei lavoratori, ad un processo di democratizzazione, ma sono passi che ci vorranno anni per la loro evoluzione, mi domando come il comitato internazionale olimpico abbia potuto scegliere in questo momento storico l’assegnazione dei giochi a Pechino, se non per le forti pressioni dell’opulento occidente che in quell’area ha dei fortissimi interessi.

Fossi francese non avrei votato Sarkozy, ma devo dare atto d’un certo coraggio, quello che manca un pò dappertutto.

Olimpiadi a Pechino,solo Sarkozy è fuori dal coroultima modifica: 2008-03-25T16:25:00+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento