Merci France,Free Tibet

(Afp)

(Ap)

(Afp)

Il Cio alla Cina: «Serve una soluzione rapida e pacifica della crisi in Tibet»

Parigi, fiamma olimpica tra bus e tedofori. Bandiere tibetane sul municipio

Messa su pullman per oltrepassare gruppi di protesta. I cinesi non vogliono cerimonia davanti a drappo Tibet

PARIGI – La corsa della fiaccola olimpica diventa sempre più a ostacoli tra le crescenti proteste anticinesi. La fiaccola, simbolo dei Giochi, è stata addirittura spenta a Parigi e portata su un bus prima di riprende il percorso con i tedofori, ma dopo è stata di nuovo bloccata più volte. Tutto ciò ha comportato un ritardo di circa un’ora sul programma previsto: le ultime staffette sono state quindi annullate e la torcia è stata portata in pullman direttamente allo stadio Charlety per la cerimonia finale. Inoltre la bandiera nera di Reporter senza frontiere con i cerchi olimpici raffigurati come manette è stata issata al primo piano della Tour Eiffel, sugli Champs Elysées e anche, insieme a quella del Tibet, sul municipio. Il sindaco di Parigi, Bertrand Delanoë, ha quindi annullato la prevista cerimonia al municipio, dove l’ex campionessa di nuoto Christine Caron avrebbe dovuto consegnarla al calciatore del Paris Saint Germain Pedro Pauleta. «Sono state le autorità cinesi che non hanno voluto che la torcia si fermasse al municipio», dove c’erano le bandiera che ai cinesi non sono piaciute, ha dichiarato il sindaco.

SPENTA – La decisione di spegnere la fiamma e caricarla su un pullman è stata presa dalle autorità parigine e dagli organizzatori del Comitato olimpico francese «per motivi tecnici». C’erano timori consistenti di ritrovarsi con incidenti simili a quelli accaduti a Londra, visto che una grande folla con bandiere tibetane e cartelli pro Tibet si era radunata sul percorso, in particolare vicino alla partenza del primo tedoforo, l’ex campione del mondo dei 400 ostacoli Stephane Diagana. Come previsto la fiaccola olimpica era partita intorno alle 12,35 dalla Torre Eiffel ma ha interrotto la sua corsa dopo poche centinaia di metri.

[ da corsersa web ]

Grazie Parigi, dopo Londra altra giornata campale, la protesta si sta diffondendo, il Cio è preoccupato,cavoli suoi avendo loro organizzato i giochi a Pechino, spero quando arriverà a Roma l’accoglienza alla torcia olimpica sia di questa portata.

Free Tibet

Merci France,Free Tibetultima modifica: 2008-04-07T18:29:03+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Merci France,Free Tibet

  1. Io sto coi tibetani e con tutti i popoli indigeni.
    .
    Fatta questa dovuta premessa,
    credo che il caneaddosso al governo cinese non lo possano fare
    -ne la Francia col suo passato e presente di potenza dominatrice con aspirazioni imperialiste con tanto di soggiogamento delle popolazioni dei suoi possedimenti d’oltremare tuttora perduranti che solo fino a pochi anni fa hanno dovuto subire a casa loro, e casa loro è il paradiso terrestre di questo pianeta, test nucleari con tutto il male che ne è seguito per le persone e per l’ambiente!!
    -ne la Gran Bretagna che oltre ad avere gli stessi istinti imperialisti della Francia e soggiogare ed aver soggiogato mezzo mondo , ha alle spalle una recentissima guerra che in rapporto all’oggetto del contendere è stata di dimensioni spropositate e mi riferisco alla guerra delle Falkland!!
    -ne gli Stati Uniti , che sono i numeri 1 in materia!
    .
    La Cina , in fatto di soggiogamento popoli e nazioni autoctone, confronto a queste tre nazioni , che sono la “crema” della civiltà
    si colloca all’ultimo posto.
    .
    Questi movimenti intellettuali poi , che approfittano delle olimpiadi
    per fare il gesto ecclatante spegnendo la fiaccola e/o ostacolandone il percorso con la scusa di “sensibilizzare” l’opinione pubblica sulla questione tibetana e poi parlano anche di boicottaggio , a mio modesto parere sono un manifesto all’ipocrisia !!!
    .

    Io sono ateo , ma non andrei mai a manifestare contro il
    potere temporale e politico del vaticano verso lo stato italiano
    durante la cerimonia di un matrimonio in chiesa,
    cosa c’entrano gli sposi che celebrano evidentemente il
    più bel giorno della loro vita ?
    ..
    .

  2. Io non sono credente come te, però rispetto ogni credo, ma odio le ingerenze quasi quotidiane della chiesa di Roma a noi tutti, loro devono a parer mio, istruire i dettami del buon cristiano, ognuno di loro saprà come comportarsi, negare i fondamentali diritti sociali presenti in tutto il continente europeo, questo si che non lo rispetto.

    Per ciò che concerne la storia delle colonie inglese e francesi in buona parte del pianeta,sono delle considerazioni che non fanno una piega, personalmente reputo Sarkozy coraggioso per esser l’unica voce fuori dal coro nel panorama europeo, ma la contestazione alle Olimpiadi a Pechino sta emergendo dalla popolazione,infatti il Cio,mannaggia a loro per aver deciso di organizzarle da quelle parti, sta pensando d’interrompere la marcia della torcia olimpica, anche S.Francisco si sta organizzando, se per caso passerà ci saranno proteste eclatanti.

    Ciao Cimbro,Ivo

Lascia un commento