L’incidente agghiacciante di Cessalto

La pubblicazione del video l’ho voluta inserire ugualmente, nonostante ripetuti ripensamenti,è agghiacciante prendere atto come la vita possa finire in un istante senza nessuno scampo,come una roulette russa,in poche frazioni di secondo qualcuno l’ha scampata,altri non se ne sono resi conto di non esistere più.

Non sarebbe cambiato nulla,ma le due vetture in fase di sorpasso del camion sulla corsia opposta,procedevano troppo vicine,un comportamento consolidato e frequente sulle nostre autostrade,meditare almeno su questa abitudine.

L’incidente agghiacciante di Cessaltoultima modifica: 2008-08-10T17:40:00+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

11 pensieri su “L’incidente agghiacciante di Cessalto

  1. Ma cosa c’entrano le due auto? La colpa dell’incidente è del camionista che ha fatto l’inversione. Secondo mè voleva suicidarsi e nel farlo ha ucciso persone innocenti.
    Non poteva aspettare il prossimo viadotto e buttarsi di sotto? Tra l’atro sto scemo viaggiava con il Tir in 3^a corsia invece che in prima…furbo!

  2. Michele,ho voluto evidenziare un comportamento molto pericoloso e da quel che vedo in autostrada è molto diffuso,chiaramente nella dinamica dell’incidente non c’entra nulla,chi s’e’ visto il tir saltare la carreggiata e mettersi di traverso in una frazione di secondo non aveva scampo.

    Però posso affermare in seconda battuta nel mio commento,che se ci fosse stato in quel punto il guard rail anti salto di carreggiata ed esistono,sono quelli in cemento armato più alti,i danni e le vite umane sarebbero state contenute.

    Saluti,Ivo

  3. sono un uomo di 39 anni separato e con un figlio di 10 che spesso viaggia con me e da tanti anni chiedo a dio che cosa di grave abbiamo fatto noi nel passato per dover subire una vita con tanti dolori.queste immagini sono uno choc. purtroppo io vivo questo e altri choc continuamente perche il destino spesso e’ maledetto.perche se esiste un dio quello che succede su questo pianeta non e’ per niente giusto.dalla nascita alla morte.spesso piango e dico una preghiera per le sofferernze che siamo costretti a vivere dal primo all’ultimo uomo sulla terra.

  4. Caro Shahram,il tuo commento per molti versi struggente tocca la mia sensibilità,molto probabilmente sei un autotrasportatore,un lavoro massacrante che espone a rischi quotidianamente,mi spiace per la tua posizione e costrizione nell’aver il figlio al seguito frequentemente,evidentemente non hai alternative.

    Posso raccomandare a te e ai tuoi colleghi di tenere il mezzo sempre in ordine,il rispetto delle ore di lavoro è determinante per evitare rischi per se e per la vita degli altri.

    Sono vicino alla tua categoria,importantissima per l’economia d’ogni paese,avrei in questi decenni diversificato i mezzi di trasporto,tramite ferrovia,navale, in Italia con le coste estesissime che abbiamo sarebbe positivo e naturalmente su gomma.

    Mi raccomando sii sempre vigile,buona fortuna,Ivo

  5. la devono smettere di creare trasporti su gomma, esistono i treni, le navi e gli aerei…. cosa aspettiamo???? sono un agente di commercio e sono stanco di vedere queste tragedie, la gente non ti rispetta, guida in modo aggressivo, non rispettano nemmeno il tutor e ti chiedono strada anche se tu sei gia’ al limite consentito di 135 km orari, compresa la tolleranza per evitare multe…. ma dove vogliono andare???? Basta……

  6. Il business dei pedaggi autostradali e delle vendite di veicoli sono sempre stati prioritari,siamo indietro su questo piano decenni rispetto alle abitudini continentali,risolvere la situazione recuperando il tempo perduto,è un’impresa impossibile,non invidio la tua attività,l’aggressività che hai citato pur viaggiando poco l’ho sempre verificata.
    Inutile consigliarti le distanze di sicurezza tra i veicoli e il rispetto dei limiti di velocità,sono comportamenti che limitano di molto conseguenze devastanti.

    Anche se nel caso del filmato,non si poteva fare nulla per evitare,tranne i guard rail anti invasione carreggiata,anche sul piano del manto stradale si potrebbe in caso di pioggia adottare in tutte le autostrade,l’asfalto antiscia.costa di più,ma si recuperano i costi nel tempo,infatti si deve sostituire in tempi più lunghi.

    Buona fortuna dumarun,bizzarro il nick!!!

    Ivo

  7. Concordo con quasi tutto quello che è stato detto, ma mi pare che non sia stato focalizzato il punto cruciale: da quello che si vede dal video. Le ipotesi sull’origine dell’incidente sono solo due, ovvero suicidio, come qualcuno ha già detto, oppure un guasto meccanico allo sterzo.
    A me pare che la seconda sia molto più probabile, ma poiché in questo caso non si possono chiamare in causa la gestione della strada, i guidatori e i mezzi stranieri, le generiche responsabilità, come velocità, distanze di sicurezza, ecc., tutti preferiscono ignorarla.

  8. Non sono un tecnico per esprimere giudizi sull’ipotesi dello sterzo improvvisamente in avaria,mi pare pazzesco che possa repentinamente sterzare con quella manovra,potrebbe essere lo scoppio del pneumatico anteriore,ma avrebbe dato segni di perdita di controllo del mezzo qualche istante prima,rimane un mistero secondo me,un’immagine e una terribile disgrazia che lascia impotenti e inquieti su come si può perdere la vita durante un viaggio.

    Saluti Sergio,Ivo

  9. Queste immagni ti fanno capire sempre di più che la vita è una foglia al vento, che un istante può cambiare o finire la vita. Io sono reduce da circa 900 km di autostrada e mi rendo conto di quanto sia sempre più importante comportarsi bene e cercare di procedere al meglio rispettando tutti i limiti di velocità, le distanze di sicurezza, e fermarsi ogni tanto nelle stazioni di servizio. Tutto questo è precauzione necessaria anche se in casi come quello che è accaduto sull’altra corsia dove si sono visti sbarrare la strada dal tir è inutile perchè l’autista del tir ha compiuto un’azione infernale e omicida, e dalle immagini sembra sia stato un colpo di sonno oppure aveva bevuto talmente tanto che poi ha completamente perso i riflessi e il controllo di se. Sono d’accordo con chi ha parlato del guard rail anti invasione carreggiata, si devono rendere in qualche modo le autostrade più sicure soprattutto nell’ottica di limitare quanto più i danni.

  10. Parola sagge,Arscatena, è fondamentale il rispetto del codice stradale,forse quando si è in viaggio non si riflette abbastanza che oltre la vettura,anche noi viaggiamo a quella velocità,se poi si superano i limiti!!! un qualsiasi problema improvviso rimarrà micidiale,forse è meglio arrivare un pò tardi,rispetto a non arrivare mai o sopportare conseguenze incredibilmente pesanti da risollevarsi.

    Certamente quando il destino ci nasconde la scena vista dal filmato,evidentemente era segnato.

    Un saluto a te,Ivo

Lascia un commento