Come si afferma sulle ande, quando il condor pasa!!!

«Quella del fotomontaggio è una mossa alla Corona»
Corona a Garlasco a caccia delle cugine
Il fotografo: Paola e Stefania K sono i personaggi più interessanti. «Sono qui per fare il mio lavoro e per strappare un’esclusiva»


GARLASCO (PAVIA) – Mancava solo lui. Mentre gli inquirenti sono ancora in attesa dei risultati della prova del dna, è arrivato anche il celebre fotografo Fabrizio Corona a Garlasco in cerca di scoop sulla vicenda di Chiara Poggi, la giovane assassinata, undici giorni fa, nella sua villetta e per il cui omicidio è indagato il fidanzato Alberto Stasi.
Il fotografo Fabrizio Corona appena arrivato a Garlasco (Ansa)
Il fotografo Fabrizio Corona appena arrivato a Garlasco (Ansa)

«Vi ricordo – ha detto il fotografo dei Vip, avvicinato dai giornalisti – che sono stato in galera 80 giorni, ma ora faccio il mio lavoro. Mi occupo anche di giornalismo, come ho fatto con Patrizia e Azouz. Anche questo è giornalismo prestato alla cronaca rosa, l’avete scritto su tutti i giornali».

A CACCIA DI SCOOP – Corona ha mantenuto un certo mistero sugli obiettivi dei suoi scoop («non vi dico da chi vado»), ma ha ammesso che i veri personaggi interessanti della storia sono le cugine Stefania e Paola Cappa. «Sono qui per fare il mio lavoro e forse per strappare un’esclusiva». Al re di vallettopoli è piaciuta la trovata del fotomontaggio elaborato dalle cugine gemelle, nel quale le due sorridono accanto a Chiara Poggi: «Quel fotomontaggio – ha detto soddisfatto il fotografo – è una mossa alla Corona».
«REALITY» – E sull’omicidio di Chiara Poggi e la spettacolarizzazione cella vicenda inteviene anche Antonio Di Pietro. Sul suo blog il ministro delle Infrastrutture ed ex pm scrive: «A Garlasco è stata assassinata una ragazza. Questo episodio di cronaca nera è stato trasformato in un reality show. Il fidanzato ha ricevuto un avviso di garanzia e sono state ascoltate persone vicine alla famiglia. Un iter del tutto normale per un omicidio. La rilevanza mediatica sproporzionata che ne è stata data, e che ha già diviso gli italiani tra innocentisti e colpevolisti, è del tutto fuori luogo. Le indagini non le fanno più le Procure, ma i giornalisti su basi quasi sempre infondate e su illazioni».

 

Da corsera web

Mancava solo lui, nella tragedia dell’omicidio della ragazza di Garlasco, non mi soffermo piu’ di tanto,purtroppo e’ solo la punta di un iceberg che coinvolge tutto il mondo mediatico, la sua presenza e’ un’appendice aggiuntiva.

Del resto il fenomeno della fotografia e’ discretamente acclamato ovunque vada, tempi nostri, ainoi!!!

Ad agosto mancando trippa per gatti, mi sto convincendo che questi delitti destinati a far parlare per intere settimane, i mandanti sono le redazioni delle varie testate e televisive, una provocazione senza senso da parte mia, ma effettivamente per costoro sono come il cacio sui maccheroni.

Come si afferma sulle ande, quando il condor pasa!!!ultima modifica: 2007-08-23T21:16:07+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento