Politica italiana, forse meno ne sappiamo, meglio stiamo.

Inchiesta de LEspresso: abitazioni a cifre stracciate per vip, politici e sindacalisti
Trenta vani catastali acquisiti da Casini. Affari anche per Cardia e Bonanni

“Case a politici e sindacalisti
a prezzi super-scontati”

Un intero edificio per il Guardasigilli. Mastella: querelo
di SERENELLA MATTERA

 

ROMA – Case a prezzi stracciati per vip, politici e sindacalisti. Lo rivela un’inchiesta de L’Espresso in edicola oggi, dal titolo “Casa nostra”. Una squadra “vasta e assortita”, è la denuncia del settimanale, ha potuto comprare appartamenti a Roma a costi di molto inferiori a quelli di mercato. Una squadra bipartisan che va dall’ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga, agli ex presidenti di Camera e Senato Luciano Violante e Nicola Mancino. Dalla famiglia del leader Udc Pier Ferdinando Casini a quelle del ministro della Giustizia Clemente Mastella e del primo cittadino di Roma Walter Veltroni. Coinvolti nell’inchiesta anche altri potenti, come il presidente della Consob Lamberto Cardia e il segretario della Cisl Raffaele Bonanni.

Le prime anticipazioni, trapelate ieri, hanno sollevato la reazione di alcuni dei politici chiamati in causa. Mastella ha annunciato una querela, mentre Cossiga si è limitato a spiegare: “Ho comprato a prezzi scontati, ma non ingiustamente”. Duro il presidente del Senato, Franco Marini: “Sono false le notizie che mi riguardano (due piani di un palazzo ai Parioli pagati 1 milione di euro, ndr). Io non ho avuto nessuno sconto ma ho comprato a prezzo di mercato la casa che avevo in affitto da circa 20 anni. Mi pare si stia superando ogni limite con queste pseudo-denunce”.

Nel 1996 l’inchiesta “Affittopoli” svelava come gli enti previdenziali dessero in locazione ai politici appartamenti in pieno centro a Roma a prezzi stracciati. Oggi L’Espresso parla di una “Svendopoli”, perché quelle stesse case “sono state svendute definitivamente e il privilegio è stato reso eterno”. Per fare un esempio, il presidente della Consob Cardia pagava 1 milione e 100 mila lire di affitto nel 1996 e ha comprato nel 2002 a 328 mila euro 10 vani e due posti auto vicino al Palaeur. Mentre il sindaco Veltroni, che “è nato nelle case dell’ente previdenziale dei dirigenti (Inpdai)”, ha comprato dalla Scip, ex Inpdai, 190 metri quadri a via Velletri, zona Piazza Fiume, per 373mila euro. Un prezzo basso “per effetto non di un’elargizione personale, ma degli sconti collettivi”.

Anche le società private Generali e Pirelli, secondo L’Espresso, nella vendita di immobili hanno avuto un occhio di riguardo per alcuni politici, come Casini e Mastella. A ex suocera, ex moglie e figlie del leader Udc sono andati 30 vani catastali in via Clitunno (zona Trieste) a 1,8 milioni di euro (prezzo di mercato 5100-6900 euro al metro quadro). Mentre la famiglia Mastella si è aggiudicata 26 vani (5 appartamenti) di un edificio di Lungotevere Flaminio a 1,2 milioni di euro. “Non ho certo approfittato di favori – ha replicato il Guardasigilli – tant’è che ho dovuto fare un mutuo di ben 500mila euro”.

Da la repubblica web

Questo e’ l’andazzo italiano signori, non sono tutti uguali,alcuni piu’ virtuosi, ma quando si riesce ad andare al potere, governo o opposizione che sia, i privilegi arrivano e le tentazioni pure, la democrazia e’ l’unico regime possibile,il meno difettoso ma ha il suo prezzo, nel nostro paese e’ davvero insopportabile, consoliamoci con un regime dittatoriale sarebbe assai peggio.

Dovremmo poter provare ad eleggere politici che arrivano da paesi piu’ seri e cambiarli molto in fretta, altrimenti l’integrazione del malaffare e’ dietro l’angolo.

Politica italiana, forse meno ne sappiamo, meglio stiamo.ultima modifica: 2007-08-31T14:59:39+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento