V-Day, domani giornata campale.

V-DAY: SUPERATE 200 MILA ADESIONI, PAROLA ALLE PIAZZE
ROMA – Oltre 200 mila adesioni, 223 piazze italiane e 30 estere: sono i primi numeri del V-Day o meglio del Vaffanculo Day di Beppe Grillo. Una protesta contro una politica che lui considera autoreferenziale e lontana dal cuore popolare. Grillo risponde con una proposta concreta e si fa promotore di una legge popolare articolata in tre semplici punti: ineleggibilità per i cittadini che hanno subito condanne, limitazione del l’eleggibilità al Parlamento a due legislature, preferenza diretta per l’elezione dei parlamentari.

Punti sui quali si è detto d’accordo anche il sindaco di Roma Walter Veltroni. Piovono le adesioni illustri, ultima quella di Luciano Ligabue, tutte puntualmente registrate sul sito del comico genovese che domani sarà a Bologna. Insieme a lui dalle 16.30 alle 22.00 con Patrizia e Lino Aldrovandi, Alessandro Bergonzoni, Don Ciotti, Massimo Fini, Milena Gabanelli, Mauro Gallegati, Walter Ganapini, Peter Gomez, Sabina Guzzanti, I ragazzi di Locri, Norberto Lenzi, Massimo Majowiecki, Gianna Nannini, Maurizio Pallante, Gino Strada, Marco Travaglio.

A cantare ci saranno Leo Pari, Metrical Division, Germano Bonaveri, Guido Foddis, Pau e Mac dei Negrita, Gli Skiantos. Sui tre punti della proposta (domani saranno allestiti banchetti per la raccolta delle firme), Grillo ha condotto un sondaggio su 204 parlamentari. Le valutazioni positive sono state rispettivamente 122 per la preferenza diretta, 109 per la non eleggibilità dei candidati condannati e 82 per la limitazione a due legislature. Ora si attende solo la risposta popolare a una campagna massiccia (Parlamento Pulito) iniziata da tempo e portata avanti soprattutto sul web con una macchina organizzativa davvero imponente che travalica i confini nazionali. “Il V-day – spiega Grillo – sarà presente in tutti e cinque i continenti con un’azione informativa di volantinaggio e camminate”.

E dà un elenco delle città dove il v-day farà tappa con volantinaggio, affissioni e anche sit o ‘camminate’ come, Barcellona, Calgary, Chicago, Dublino, ma anche New York e Tokio. “Sarà una giornata di partecipazione popolare – promette Grillo – di democrazia dal basso, organizzata e pagata dalla gente. Andate sui forum dei meetup della vostra città se volete dare una mano ai banchetti, contribuendo economicamente o come autenticatori, se potete”.

da ansa web

Sono d’accordo per un parlamento pulito, per sole due legislazioni e poi cambiar mestiere, domani in moltissime citta’ si presenziera’ la protesta, nel pomeriggio intendo parteciparvi, anche se solo una giornata dedicata alla sensibilizzazione puo’ sembrare fine a se stessa.

Dipendera’ dalla continuazione degli intendimenti, se il movimento allarghera’ i consensi e se in ultima analisi c’e’ davvero spazio per persone dotate di una certa onesta’ nel rappresentare politicamente il paese, sono discretamente difficili da reperire, al potere una volta eletti tanti aspetti cambiano.

Rimane l’unico rischio di improvvisazione, la professionalita’ nel far politica, se da un aspetto porta ai rischi di corruzione e di adattamento al sistema, l’esser catapultati nel dirigere un ministero e legiferare, non e’ impresa semplice.

Auguri a questa nuova aria, posso solo consigliare a Beppe Grillo di non buttare l’acqua sporca e il bambino, seguendo frequentemente il suo blog, anche lui non e’ immune da idee e commenti decisamente discutibili.

Evidentemente commentare tutti i giorni da quel pulpito, puo’ portare dei capogiri!!!

Un ultimo consiglio, di non far la fine del movimento dei girotondini, iniziati con il governo D’alema e proseguiti nei primi tempi del governo del grande padrone di coalizione, ora quasi nessuno si ricorda di loro.

V-Day, domani giornata campale.ultima modifica: 2007-09-07T22:04:15+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento