Dal blog di Beppe Grillo,extracomunitari e rom

I confini sconsacrati

fano_consigliocomunale.jpg

Un Paese non può vivere al di sopra dei propri mezzi. Un Paese non può scaricare sui suoi cittadini i problemi causati da decine di migliaia di rom della Romania che arrivano in Italia. L’obiezione di Valium è sempre la stessa: la Romania è in Europa. Ma cosa vuol dire Europa? Migrazioni selvagge di persone senza lavoro da un Paese all’altro? Senza la conoscenza della lingua, senza possibilità di accoglienza? Ricevo ogni giorno centinaia di lettere sui rom.
E’ un vulcano, una bomba a tempo. Va disinnescata. Si poteva fare una moratoria per la Romania, è stata applicata in altri Paesi europei. Si poteva fare un serio controllo degli ingressi. Ma non è stato fatto nulla.
Un governo che non garantisce la sicurezza dei suoi cittadini a cosa serve, cosa governa? Chi paga per questa insicurezza sono i più deboli, gli anziani, chi vive nelle periferie, nelle case popolari.
Una volta i confini della Patria erano sacri, i politici li hanno sconsacrati.
Pubblico parte di una delle tante mail.

“Sono un cittadino italiano… sposato con una cittadina rumena! Non sono un razzista!
Ho casa in Romania! ho amici in Romania! Ho parenti in Romania! La mia azienda è registrata in Romania! Ho iniziato a lavorare in Romania dal 2002! ne ho viste di tutti i colori li!
Poi ho sentito Prodi e la sua bella Europa a 25… la grande comunità, dentro di me ridevo! la Romania dentro l’Europa!! Chi avrà mai il coraggio di approvare questa idea incosciente!
Ogni giorno si sente parlare di rumeni in italia… è una continua vergogna… per mia moglie… per me!
Da questo Paese vanno via a milioni… come sempre loro avevano sperato!
Entrare nella Comunità Europea per abbandonare il proprio paese… lo facevano da prima di entrare!
Perchè noi dobbiamo sopportare le decisioni dei pochi? Dove sono i nostri confini nazionali? Cosa è la Nazione?
Mia moglie è rumena! Mia nonna era croata! Ma io sono italiano! I miei figli saranno italiani! Mia moglie è diventata italiana! Dà un contributo anche lei alla mia famiglia… alla mia casa… a questa nazione! Chi non lo merita BASTA! fuori! Fuori da questo Stato! Schengen non è servito a nulla! Non serve a noi italiani o ai tedeschi! Serve solo a questi ad approfittarne per venire qui e fare quello che vogliono!
Lottiamo ogni giorno contro la mafia! La povertà! Di problemi in Italia ne abbiamo infiniti! Non siamo neppure noi pronti ad accoglierli! Non possiamo dargli le case! I nostri padri hanno sudato e lavorato per costruire questa nazione! BASTA! Sono di sinistra… ero di sinistra! Ora basta! Fuori il marcio dai nostri confini… dalle nostre carceri… dalle nostre strade!!
Benvenuto chi invece ha voglia di lavorare e progredire insieme! VIVA l’ITALIA!” Nicola B.

 

il mio commento

La situazione cosi’ deteriore di questo paese e’ palese, chi visita altre realta’ europee si rende conto che l’eccellenza non esiste, ma sicuramente non ci sono similitudini negative come qui.

Eravamo gia’ poco ordinati prima, tolleranti per non perder tempo, uno dei detti piu’ diffusi e’ sempre stato fatti i c..zi tuoi, a Napoli ci vivono pure cent’anni.

Esistono in Germania un paio di milioni tra turchi e curdi, tutti discretamente integrati nell’economia,in Francia complice il colonialismo esistono colored in ogni d’ove, vedi la nazionale di calcio, a parte il problema delle periferie, gia’ in parte sedato, un’integrazione positiva.

Forse qui il processo e’stato piu’ rapido, ma siamo noi complici per il modo di vivere gia’ citato, il senso di rispetto per la collettivita’ e’ sempre stato ai minimi termini, con le due milionate di extra comunitari nei nostri confini, non poteva che peggiorare assai.

Consideriamo anche la gente che lavora onestamente e al loro posto non esisterebbe alcuno a svolgere determinate professioni, complice la denatalita’ e un certo benessere.

Un caso a parte sono i rom, cosa vogliamo fare, campi di concentramento, deportazioni e un plateale sterminio di massa, a voi le pale per le fosse comuni,non sono simpatici a nessuno, chi ha idee piu’ brillanti delle mie comprensibilmente provocatorie,si faccia avanti.

ivo serentha 06.10.07 00:26
Dal blog di Beppe Grillo,extracomunitari e romultima modifica: 2007-10-06T00:29:08+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Dal blog di Beppe Grillo,extracomunitari e rom

  1. Ma perche’ non capite il senso del Post? perche’ non capite il senso della mia lettera!?
    dove sta veramente questa Europa Unita?L’allargamento a 25 ha provocato l’allontanamento dei paesi fondatori che tra di loro hanno litigato su tutto… fomentati dalla Polonia!La costituzione europea si e’ andata a fare friggere!
    La Romania con solo 6 parametri europei rispettati su 30 e’ entrata a pieno titolo in EU.
    I problemi di quel paese adesso ce li piangiamo tutti… e i nostri confini non sono dei veri confini.
    Qualcuno ne mette in dubbio la sacralita’… ma scherzate! i partigiani hanno combattuto per essi! per il nostro popolo! gli ultimi sono stati proprio loro!
    si canta “Oh Bella Ciao” e poi ci si dimentica del 25 Aprile, del significato di liberazione del Popolo ITALIANO, della democratia tornata nel nostro paese! E saremmo razzisti e fascisti perche’ lo rivendichiamo?
    E’ piu’ giusto la politica sbagliata dell’Europa a 25 che sta rallentando tutti i processi di unificazione reale? L’immigrazione selvaggia che alimenta caporalato? sfruttamento minorile, pedofilia, prostituzione, lavoro nero e senza garanzie? Ci accusate di questo?Che ci sta a cuore il problema sicurezza?Che pretendiamo legalita’??? per questo noi fomentiamo il razzismo? Analizzate meglio le vostre parole! e poi basta con ste etichettature! con sta campagna mediatica sui TG contro gli immigrati! adesso stranamente tacciono tutti dopo questo post!! beh… almeno abbiamo ottenuto quelcosa!Questi TG taroccati che storpiano il significato del pensiero di Grillo… o il mio… tanti mi raffigurano come uno sfruttatore dei romeni a basso costo… (mai avuto un romeno nella mia societa’) ho fatto soltanto collaborazioni con altre societa’ rumene al 50% e lavoravamo insieme!! Quello che non condivido sono le politiche avventate comunitarie dove Prodi spingeva al massimo per allargare… ha costruito un ponte di messina europeo!pensateci!
    Ma chi vuole reprimere!? la mia proposta e’ semplice! il fallimento di questa politica consglia di metter fuori la Romania dalla EU! o qualcuno ci spieghi per quale motivo ci deva restare a tutti i costi… e ricominciare ad analizzare i problemi che questa nazione determina col suo ingresso!
    Secondo punto! non ho detto tutti fuori dall’Italia! ho detto il marcio! i delinquenti! quando li acchiappi… li riaccompagni al loro paese! non che li metti fuori di nuovo con la condizionale! a spacciare! a delinquere!
    chi ama questo paese… ben venga!
    nel nostro paese di prodi ancora si butta in galera chi lavora ma non ha permesso di soggiorno! e chi delinque rimane impunito perche’ cittadino comunitario! ma che significa tutto questo!! APRITE GLI OCCHI!

  2. Caro Nicola,

    Francamente non capisco come debba aprire gl’occhi, comunque diamo per buono che lo debba fare, dai miei commenti mi pare non traspaia una critica assoluta alla tua lettera, ti do del tu, essendo di sinistra mi viene spontaneo, che ci siano interessi pelosi nell’aver anticipatamente aperto a stati dell’est europeo,pienamente d’accordo, ma prima o poi sarebbero entrati, esistono interessi economici enormi, per il costo del lavoro esistente in quelle realta’, Prodi e’ solo una pedina, l’hanno voluto tutti, se Francia e Germania si mettevano di traverso, col piffero sarebbero entrati, la criminalita’ organizzata fa entrare a piacere chi gl’interessa, dal confine triestino entravano una cifra da sempre, se prendiamo per esempio l’aspetto della prostituzione, quando in qualche retata venivano pizzicate senza permesso,vengono e venivano rimpatriate,salvo vederle al medesimo marciapiede o quasi qualche giorno dopo, in questo caso e’ necessario una bella riformetta per abolire la prostituzione nei marcipiedi e trovare soluzioni tipo quartieri, sono tutelate, pagano le tasse e controllate sanitariamente e soprattutto non stuprate e convinte a botte ad esercitare.
    Che ci siano molti extracomunitari che delinquono e’ una realta’, ma che la maggioranza lavori e faccia parte della nostra economia anche questo non lo si puo’ negare, quei lavori di basso impiego, sporchi, duri,mal pagati che i nostri figliuoli complice moltissimi aspetti non vogliono piu’ fare.
    Il commento soprattutto di Grillo sottolinea in particolare l’aspetto negativo della situazione, salvo poi avere colf,badanti,lavoratori nei cantieri e nei lavori stradali piu’ pesanti e nocivi, eseguiti con manodopera assolutamente extracomunitaria.

    Mi pare d’averli assai aperti gl’occhi, ma e’ un gioco delle parti, ognuno giustamente la vede come meglio vuole.

    Saluti, Ivo.

  3. VITTORIA!
    il Ministro Minniti ha modificato la l’art.54 del testo unico degli enti locali attribuendo ai sindaci maggiori poteri.
    Il pacchetto sicurezza sara’ discusso dal Consiglio dei Ministri il 12 ottobre.
    Uno dei provvedimenti prevede che il prefetto puo’ espellere anche cittadini comunitari quando attentano alla pubblica sicurezza.
    Notizia su TELEVIDEO delle 14.15 del 08.10.2007

  4. Chi delinque va in galera,anche se esistono troppi sconti, chi delinque ed e’extracomunitario sconta la pena nel nostro paese e poi torna da dov’e’ arrivato, ma insisto, sulla ribalta inserisco sempre gli stranieri che in questo paese lavorano e si integrano, dopo alcuni anni sono da considerare italiani come noi.

    Un saluto, ivo.

Lascia un commento