Maratonarte, grazie per l’adesione,come al solito ai volontari italiani.

MaratonArte: tre giorni di raccolta fondi
per salvare sette luoghi di cultura italiani

La casa di Augusto sul colle Palatino di Roma

ROMA (5 ottobre) – Riunire le forze per salvare l’arte è una “missione possibile”. Ne è convinta MaratonArte che ha promosso tre giorni di raccolta fondi, fino a domenica 7 ottobre, per salvare sette luoghi culturali italiani. Le risorse saranno, infatti, utilizzate per realizzare i progetti che interessano la Casa di Augusto sul colle Palatino di Roma, il museo statale Tattile Omero di Ancona, la necropoli punica Sulky di Sant’Antioco, il Centro di restauro dei violini a Cremona, il castello di San Michele a Santa Maria del Cedro, le serre reali di Racconigi, il treno museo Siracusa -Modica-Ragusa. In collaborazione con la fondazione onlus MaratonArte, costituita il 30 giugno scorso, la Rai trasmetterà spot promozionali sui sette siti da salvare, con le musiche del maestro Ennio Morricone e con l’aiuto di testimonial d’eccezione, come Claudio Baglioni, Andrea Bocelli, Claudia Cardinale, Riccardo Muti, Michele Placido, Gabriella Pession e Luca Zingaretti.

Già alle 12 del primo giorno di raccolta si è raggiunta la cifra di 500 mila euro. Le offerte possono essere fatte chiamando il numero verde 800.199.949 messo a disposizione da American Express oppure inviando un sms al numero 48545, per donare due euro da tutti i cellulari, e al numero 48558 per dare cinque euro da numeri Vodafone. Si può anche acquistare la “Gift Card” da tre euro, in vendita presso gli Autogrill, i pubblici esercizi Fipe e i punti vendita Agip che aderiscono all’iniziativa. Infine, la donazione mediante bancomat oppure online può essere effettuata da qualsiasi carta di credito e con bonifico bancario al cc n° 10888810 (Abi: 02008, Cab: 03272), presso tutte le Agenzie UniCredit Banca.

Nel 2006, sono stati raccolti 42 milioni di contributi per l’arte. Una cifra modica se si considera che in Francia la media è di 350 milioni e il ministero per i Beni e le Attività culturali spende più di 700 milioni di euro ogni anno per le opere di restauro.

numero 48545, per donare due euro da tutti i cellulari.

numero 48558 per dare cinque euro da numeri Vodafone.

 con bonifico bancario al cc n° 10888810 (Abi: 02008, Cab: 03272), presso tutte le Agenzie UniCredit Banca.

Da il messaggero web

Da fastidio dover prendere atto che il nostro e’ uno stato che non riesce a salvaguardare le opere culturali del tempo passato, sembrerebbe che nonostante la esorbitante pressione fiscale non ri riesca a devolvere una parte delle entrate,nella conservazione di importanti realta’ della nostra tradizione.

Come d’abitudine il volontariato,in questo caso monetario deve far fronte alle emergenze e siamo invitati nel g8 mondiale da parecchi decenni, che si vergognino i benestanti che praticano l’evasione fiscale, i numeri verdi,sms, esistono grazie a loro.

Maratonarte, grazie per l’adesione,come al solito ai volontari italiani.ultima modifica: 2007-10-07T14:32:04+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Maratonarte, grazie per l’adesione,come al solito ai volontari italiani.

  1. Ciao Ivo, non conosco bene l’argomento di questo post, quindi sono andato a dare un okkio sulle tue categorie, e ho scelto a caso evasione fiscale…mi rallegro che hai parlato anche te del dottore e delle sue tasse forse non pagate; come avevo detto a un blogger che lo difendeva, io non voglio giustiziare nessuno prima della sentenza, ma se non ha pagato veramente quello che non ha pagato sperolo massacrino con una multa record..inanto mi pae che ha iniziato a dire che se ha sbagliato pagherà, quindi ha abbassato la cresta…staremo a vedere…

    ciao
    alberto

  2. Ciao Alberto,

    Valentino Rossi anche se campione simpatico non e’ esente dagli obblighi fiscali, naturalmente li maschera con problemi di contabilita’, che sia come sia,beato chi crede, l’importante che paghi,in questo modo avremmo meno necessita’ di nobili collette ma in un certo senso grottesche.

    Ciao, ivo.

Lascia un commento