Una volta tanto sono d’accordo con Benedetto XVI.

Aperta la Settimana sociale dei cattolici con un messaggio del Pontefice
L’occupazione “stabile e dignitosa” collocata tra le emergenze etiche e sociali

Il papa contro il lavoro precario

<B>Il papa contro il lavoro precario<br>Bagnasco: "Vita e famiglia non negoziabili"</B>

Papa Benedetto XVI

PISTOIA – Una dura critica alla precarietà nel lavoro “che può minare le basi della società” e, subito dopo, la riaffermazione orgogliosa che sui temi caldi degli ultimi mesi, come vita e famiglia, “i vescovi non taceranno” perché la Chiesa li ritiene “non negoziabili”. Si apre così, con un messaggio del Papa e un discorso del presidente della Cei Bagnasco, la Settimana sociale dei cattolici.

Società compromessa. Il lavoro, secondo quanto affermato da Benedetto XVI, è collocabile tra le “emergenze etiche e sociali”, “in grado di minare la stabilità della società e di compromettere seriamente il suo futuro”. La “precarietà del lavoro”, denuncia ancora il Pontefice, non permette ai giovani di costruire una famiglia, con la conseguenza che “lo sviluppo autentico e completo della società risulta seriamente compromesso”. Nel suo messaggio il Papa ha ricordato anche come il “rispetto della vita umana e l’attenzione da prestare alle esigenze della famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna” non sono “valori e principi solo cattolici, ma valori umani comuni da difendere e tutelare, come la giustizia, la pace e la salvaguardia del creato”.

Da la repubblica web

Solo la Fiom, il Papa, piu’ la sinistra radicale, come piace chiamarla la partitocrazia, sono dall’altra parte della barricata, tutto il resto e’ d’accordissimo nel continuare con la legge Biagi, sicuramente i piu’ ridicoli sono la parte maggioritaria della cgil, per anni hanno parlato male della legge citata prima, ora l’hanno sottoscritta, anche loro sotto la grande cappella democratica celebrata domenica.

In sintonia gli ex ds, ora democraticissimi e confindustrialissimi, Montezemolo ringrazia,a lui per male che gli vada torna bellachioma e la cozzaglia della sua coalizione.

Come quadrare il cerchio, i bamboccioni ringraziano nuovamente.

Una volta tanto sono d’accordo con Benedetto XVI.ultima modifica: 2007-10-18T20:30:00+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Una volta tanto sono d’accordo con Benedetto XVI.

  1. Il Papa dice cose giuste una volta tanto, di Bagnasco non ne voglio parlare perchè divento estremista..
    Sulla cgil preferisco tacere ancora una volta, sull’ipocrisia e le falsità del protocollo sul welfare è meglio tapparsi il naso..
    Insomma questa sinistra tutela i lavoratori, sì, ma dai 50 anni in su.
    Forse..

  2. Se e’ pur vero che esiste una frattura tra dipendenti d’una certa eta’ e le nuove generazioni, appunto per questo motivo ho votato no, il sindacato e la politica devono chissa’ quando purtroppo, cambiare rotta, aver sottoscritto quasi per intero la legge Biagi da parte della cgil e’ stato vergognoso, non si rendono conto di cosa voglia dire lavorare da dipendenti con stipendi cosi’ sottili quasi da fame, ripeto, solo la Fiom e’ stata contraria a questa piattaforma, la precarieta’ cosi’ prolungata e’ un cancro per la societa’, Nel resto d’Europa chi accetta un lavoro a termine viene pagato di piu’ rispetto ad un lavoro tutelato.

    Siamo come al solito la vergogna in questo continente.

    Ciao, ivo.

  3. E’ in atto il processo di impoverire a strati diffusi questo paese, qualche decennio e diventera’ nuovamente appetito terreno di conquista per gl’imprenditori sempre piu’ ricchi e potenti.

    Questa e’ la nostra societa’, il futuro si spera sia migliore, remoto, molto remoto purtroppo!!!

    Ciao, ivo.

Lascia un commento