Dal blog di Travaglio-Corrias-Gomez,il vero e il falso, ma non distruggiamo tutto quanto.

Il vero, il falso

Foto di 3rd foundation da flickr.com
Vorrà pur dire qualcosa che secondo un’indagine Usa noi italiani – con 7 miliardi di euro di merci – siamo i primi produttori europei di oggetti falsi, piratati, contraffatti: dai cd che suonano stonati, alle borse in finta pelle.

Invece Mastella è vero. Sono veri Bordon e Manzione, membri del quarantanovesimo finto partito, formato Smart, di questa fantasiosa legislatura dove tutti si accaniscono al peggio. E’ vero Dilberto che litiga con Mussi per la titolarità della falce e del martello. E’ vero addirittura Bertinotti che presidiando la terza (tele)Camera della Repubblica, quella finta, si è insediato nella prima che è vera.

Sotto tanti aspetti il vero è assai più dannoso del falso, specialmente nella politica dove i due piani, confondendosi, a volte si rafforzano. L’allarme sicurezza che dilaga (anche) come una febbre emotiva – su dati talvolta veri, talvolta verosimili, talvolta falsi – genera mostri legislativi come questa nuova qualificazione giudiziaria di “massimo allarme sociale” per taluni reati – furti, scippi, rapine, incendi boschivi – da equiparare a mafia e terrorismo. Con restrizioni legislative di dubbia costituzionalità.

E l’ennesimo inasprimento delle pene che falsamente bilancia i veri ingorghi processuali (mai sciolti, mai riformati) che con il tempo le vanificheranno.

permalink | creato da pino_corrias il 25/10/2007 alle 22:19

Se continuiamo di questo passo, cioe’ il gioco al massacro mediatico,equivale a piangere sul latte versato, nessuna censura, almeno cercare di distinguere aspetti del tutto negativi, da polemiche esistenti in tutti i settori, quando esistono temi d’una certa portata.

Viviamo in questo paese difficile,inutile elencare gli innumerevoli difetti,se riusciremo a partire da qualsiasi idea politica,movimento,riscontrando una certa genuinita’, pur con tutti i difetti possibili e immaginabili,si potra’ costruire e modellare una politica sociale all’altezza d’altre realta’ europee, altrimenti radere al suolo tutto quanto,se e’ pur vero che equivale a ricominciare,i retroscena immediati potrebbero essere molto amari, meglio modellare lentamente qualsiasi persona e idea da premiare, come tutti possono immaginare distruggere e’ molto facile rispetto a costruire, pur essendo un paese assolutamente demotivante per molti aspetti, io non tifo piu’ contro,cerco qualcosa su cui contare, senza censure naturalmente.

Altrimenti a forza di gettare fango a 360 gradi, si rischia di buttare acqua sporca e contenuti da salvare.

Saluti, Ivo.

commento di   ivo serentha –   lasciato il 26/10/2007 alle 23:37

Dal blog di Travaglio-Corrias-Gomez,il vero e il falso, ma non distruggiamo tutto quanto.ultima modifica: 2007-10-26T23:40:00+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Dal blog di Travaglio-Corrias-Gomez,il vero e il falso, ma non distruggiamo tutto quanto.

  1. E’ certo più facile deniigrare,deridere,rendere grotteschi gli avversari che non proporre novità.Alcuni poi si sputtanano da soli,ma per tutti questa situazione ridicola sembra portare vantaggi;non è che il popolo italiano abbia la classe dirigente che si merita (o addirittura vuole)?
    Buon week-end,Giorgio.

  2. Come tutti i trand, ora va in voga la demolizione, in questo momento storico anche un Alcide De Gasperi ne sarebbe travolto, non sono religioso ma e’ il caso d’affermare chi e’ senza peccato scagli la prima pietra, ho idea che rimarrebbero quasi tutte al suo posto….

    La politica,la societa’ sono lo specchio di tutti noi, forse siamo al giorno d’oggi sempre piu’ intenti ad affermare il proprio ego, chissa’ quanti si comporterebbeto pure peggio se avessero un minimo potere.

    La classe dirigente in noi!!!!

Lascia un commento