Argentina,Cristina Fernandez Kirchner,sara’ brava o solo l’ombra del marito.

Argentina al voto, favorita la first lady

In 27 milioni chiamati alle urne. I sondaggi danno per certa la vittoria di Cristina Fernandez Kirchner

 

 

BUENOS AIRES – Circa 27 milioni di elettori argentini sono chiamati alle urne per scegliere il successore del presidente Nestor Kirchner, il cui mandato scade in dicembre, un nuovo vicepresidente e per il rinnovo di metá dei deputati e di un terzo dei senatori. Tra i 13 candidati in lizza per la «Casa Rosada» la super favorita è la moglie di Kirchner, la 54 enne senatrice Cristina Fernandez, alla testa del Fronte per la Vittoria.

SONDAGGI – Secondo i sondaggi della vigilia, la «first lady» potrebbe ottenere – se non il 45% dei voti necessari per la vittoria al primo turno – il 40% dei consensi che, insieme al vantaggio di almeno il 10% sul secondo candidato, renderebbe inutile l’eventuale ballottaggio previsto per fine novembre. Le ultime indagini sulle intenzioni di voto danno la senatrice al 43% e nessuno dei suoi avversari supera il 15%. Sempre stando ai sondaggi, la popolarità di cui gode Kirchner gli permetterebbe di vincere ancor più facilmente della moglie, ma la decisione della coppia di alternarsi al potere consentirà ai due di restare a lungo alla Casa Rosada.

STAFFETTA A CASA ROSADA – Per legge in Argentina un presidente può essere eletto solo per due mandati consecutivi: Kirchner ha deciso di non correre questa volta, ma potrà ripresentarsi alle prossime presidenziali. Per questa staffetta i critici hanno così coniato la parola «MonarKia», con la ‘K’ maiuscola a indicare il cognome della coppia. Ma la continuità che i Kirchner probabilmente assicureranno non è vista da tutti come negativa, visto che il presidente uscente ha garantito un periodo di quattro anni di stabilità politica e di crescita economica, nel quale gli abusi dei diritti umani di un tempo sono stati puniti, con una determinazione.

SLANCIO FEMMINILE – Nei quattro anni e mezzo di governo del presidente Nestor Kirchner in Argentina «abbiamo realizzato tanti sogni, ma è necessario andare avanti per concretizzarne tanti altri» ha sostenuto con foga di candidata, ma anche con slancio tutto femminile, Cristina Fernandez Kirchner, chiudendo la lunga campagna nel popoloso municipio di La Matanza, area strategica della provincia di Buenos Aires. Elencando i sogni con cui nel 2003 «quell’uomo» – ha chiamato così il marito Nestor che la ascoltava attentamente sul palco accanto al vicepresidente Daniel Scioli – ha assunto le redini dell’Argentina la candidata, che indossava un tailleur bianco con gonna a pieghe, ha evocato la dignità del lavoro, la fine dell’impunità e il recupero delle istituzioni.

Da corsera web

Sembra che vada di moda nel continente americano che la first lady ho subito o dopo alcuni anni debba succedere al marito, vedi Hillary negli States, mi auguro che per gli argentini continui la via di ricostruzione del paese, dopo gli sconquassi finanziari di alcuni anni fa.

Dopo tutto scorre molto sangue italiano nel paese dei gauchos, anche noi abbiamo vissuto l’epoca degli extracomunitari!!!!

Argentina,Cristina Fernandez Kirchner,sara’ brava o solo l’ombra del marito.ultima modifica: 2007-10-28T18:39:02+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Argentina,Cristina Fernandez Kirchner,sara’ brava o solo l’ombra del marito.

  1. Ciao Jessica,

    Piacere, ho provato a visitare il tuo spazio, riesco solo nella versione html, potrebbe dipendere dal mio pc, in alcuni siti ho problemi a volte.

    Sono d’accordo nella affermazione delle donne in ogni campo, qui in Italia c’e’ parecchia strada da percorrere, il caso argentino e’ un po’ strano, dal marito alla moglie il passaggio di potere, fosse il contrario, sarebbe curioso ugualmente, se dimostrera’ capacita’, tutto ok.

    Ciao Ivo.

Lascia un commento