Birmania, monaci nuovamente in strada, sara’ un’altra tragedia??

Un centinaio di tonache tornano in strada dopo la violenta repressione del mese scorso
Il rapporto dell’organizzazione umanitaria Human Rights Watch: “Comprati a dieci anni”

Birmania, nuovo corteo di monaci buddisti
La denuncia: “Arruolati bambini-soldato”

<B>Birmania, nuovo corteo di monaci buddisti<br>La denuncia: "Arruolati bambini-soldato"</B>

I monaci birmani tornano in strada per protestare contro il regime

RANGOON – Tornano a sfilare i monaci contro il regime birmano. Circa duecento bonzi in saio rosso hanno dato vita ad un nuovo corteo per la democrazia lungo le strade di Pakkoku, una delle città nella Birmania centrale dove è nata la protesta. Mentre si dirigono verso la pagoda di Shwegu, i monaci cantano e recitano la ‘Metta Sutta’, la preghiera di Budda sull’amore universale. E’ la prima volta che i monaci birmani tornano in piazza dopo le violente repressioni dello scorso mese.

L’inviato Onu, Gambari, tornerà questo fine settimana nel Paese per tentare di riavvicinare governo e opposizione. La giunta militare birmana ha intanto liberato 7 esponenti della Lega per la democrazia, il partito di Suu Kyi, di cui 150 membri sono ancora in carcere.

Intanto l’organizzazione umanitaria Human Rights Watch, denuncia che l’esercito birmano ricorre a
bambini soldato per far fronte al fenomeno della diserzione. Il rapporto della Hrw sostiene che la giunta militare abbia autorizzato i reclutatori a “comperare” bambini, alcuni non hanno neppure dieci anni.

I bambini-soldato sono reclutati in strada, alle fermate dell’autobus o nelle stazioni ferroviarie, nelle povere case dei loro genitori, costretti a seguire i loro aguzzini con la minaccia dell’arresto. “Alcuni vengono picchiati fino a quando non accettano”, si dice nel rapporto intitolato “Venduti per essere soldati”. Secondo Hrw, sarebbero migliaia i bambini arruolati in questo modo.


“I generali del governo tollerano l’arruolamento di bambini e non puniscono coloro che lo esercitano”, sostiene Jo Becker, incaricato della difesa dei diritti dei bambini. “In questa atmosfera i reclutatori militari si dedicano a piacimento al traffico di minori”.

Da la repubblica web

Quasi sicuramente altre vittime sacrificali per contestare il regime militare, l’autodeterminazione e’ la via migliore per sovvertire i criminali al potere, la nuova denuncia di testimonianze che i dittatori arruolino bambini per il controllo del territorio armandoli.

Tutto il possibile dev’esser fatto per portare alla luce questa tragedia, mi auguro che l’Onu possa incentivare le restrizioni economiche nonostante la ritrosia dell’olimpica Cina, si potrebbe pensare davvero di rinunciare all’avvenimento organizzato tra un anno se i veti cinesi continueranno a permanere.

Birmania, monaci nuovamente in strada, sara’ un’altra tragedia??ultima modifica: 2007-10-31T17:44:36+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Birmania, monaci nuovamente in strada, sara’ un’altra tragedia??

  1. RIPONDO A TUTTI COLORO CHE HANNO LASCIATO UN COMMENTO SU “LA RELIGIONE CRISTIANA”:

    GIANLUCA
    A titolo informativo per chi legge,Gianluca collabora con me ed altre (molte) persone al progetto politico qui molte volte prospettato ed illustrato.
    Anch’io mi sento innanzitutto canturino e cittadino d’europa,ma anche cristiano e cittadino di uno stato che non amo molto x come propostoci,ma che aualmente è quello che abbiamo;finche non riusciamo a migliorarlo teniamocelo stretto.

    PONY
    Grazie per il commento ed a presto.

    IVO SERENTHA
    Ti comunico innanzitutto Ivo che una persona che conosco personalmente,in Italia,ha da pochi giorni fatto uso di questa forma abortiva;un filo logico del mio discorso voleva tesimoniare che,malgrado il nostro stato (come molti altri) sia laico,deva la sua unità culturale e pratica alla ns religione.Non a caso nelle scuole,malgrado non vi sia ordine in merito,per uso e radizione trovi crocefissi in tutte le aule.Non a caso al termine della II guerra mond. la CIA ha dato un grosso aiuto alla DC perchè ci governasse.Non a caso oggi il centro sx governa guidato da Prodi e non da D’Alema.

    LUCA
    Mi riconosco nel ritratto del cristiano moderno che tu hai dipinto,mi auguro di ritrovari presto tra i miei commenti e verrò subito a visitare il tuo indirizzo.

    DOTT: GHINI
    Quando la chiesa contesta chi,o cosa,sta fuori di essa è giusto criticarla.
    Quando la chiesa parla al proprio interno no.Dico,aborto,divorzio e omossessualità sono abborriti dalla chiesa,ma il Papa non chiede a un Islamico di seguirlo nella sua crociata.

    A TUTTI
    Il senso principale del mio post era comunque l’analisi socio-politica del valore cristiano in italia,senza questo credo religioso (secondo me) l’Italia già da tempi lontani avrebbe faticato a restare unita.
    Ciao e grazie a tutti,Giorgio.

Lascia un commento