Paul Tibbets, come puo’ aver vissuto tanti anni senza alcun problema.

Paul Tibbets diede il nome della madre all’aereo che il 6 agosto 1945
colpì il Giappone con la bomba ‘Little Boy’. Morirono 140mila persone

Usa, morto il pilota dell’Enola Gay
sganciò l’atomica su Hiroshima

“Sono orgoglioso di essere partito dal niente, aver pianificato l’intera operazione
ed essere riuscito ad eseguire il lavoro perfettamente. La notte dormo bene”

<B>Usa, morto il pilota dell'Enola Gay<br>sganciò l'atomica su Hiroshima</B>

Paul Tibbets ai comandi dell’Enola Gay

WASHINGTON – E’ morto a 92 anni Paul Tibbets, il pilota del B-29 ‘Enola Gay’ che sganciò la bomba atomica su Hiroshima. Tibbets si è spento a Columbus, in Ohio. Lo ha reso noto un portavoce della famiglia.

Tibbets, all’epoca colonnello, diede al bombardiere B-29 Superfortress il nome della madre (dall’eroina di un romanzo). Le cronache raccontano che il comandante regolarmente assegnato dell’aereo si infuriò per essere stato scavalcato da Tibbets per questa importante missione, e diede in escandescenze quando la mattina del 6 agosto, nella base aerea sull’isola di Tinian, nelle Marianne, vide l’aereo dipinto con il nuovo nome. Lo stesso Tibbets, intervistato dopo il bombardamento atomico, confessò il suo imbarazzo per aver associato il nome di sua madre a un’operazione bellica di quel tipo.

La missione fu compiuta il 6 agosto 1945, con un equipaggio di 14 persone. L’ordigno da 4,2 tonnellate, battezzato ‘Little Boy’, venne sganciato alle 8,15. Esplodendo in aria poco prima di toccare il suolo di Hiroshima, la bomba sviluppò un’ondata di calore che

raggiunse i 4.000 gradi centigradi in un raggio di oltre 4 chilometri, seguita da un sinistro fungo di fumo. Centoquarantamila dei 350 mila abitanti della città morirono sul colpo, ma l’esplosione atomica lasciò per anni sulla città una sinistra scia di morte e sofferenza. Alla fine, a Hiroshima le vittime accertate della bomba atomica furono 221.823, con quelle che hanno perso la vita per i danni provocati dalle radiazioni nucleari. “Non sono orgoglioso di aver ucciso quelle persone – ha detto Tibbets anni fa, in un’intervista – ma sono orgoglioso di essere partito dal niente, aver pianificato l’intera operazione ed essere riuscito ad eseguire il lavoro perfettamente. La notte dormo bene”.

La missione su Hiroshima, infatti, venne descritta come impeccabile dal punto di vista tattico. Al contrario, quella effettuata tre giorni dopo su Nagasaki dal B-29 Bockscar pilotato dal maggiore Charles W. Sweeney, che sganciò un secondo ordigno nucleare, “Fat Man”, provocando 74mila morti, è stata bollata come tatticamente errata, anche se raggiunse lo scopo, spingendo il Giappone alla resa e chiudendo così la Seconda guerra mondiale.

Tibbets lasciò l’aeronautica militare Usa nel 1966 con il grado di generale e mise in piedi una società di taxi-jet in Ohio. Secondo quanto ha riferito l’amico di famiglia Gerry Newhouse, ha lasciato detto di non celebrare un funerale e di non porre una lapide sulla sua tomba, per il timore che divenga un luogo per manifestazioni di protesta.

Da la repubblica web

Non ho alcun commento da fare, solo il titolo del post e le immagini sono sufficienti.

Paul Tibbets, come puo’ aver vissuto tanti anni senza alcun problema.ultima modifica: 2007-11-01T21:23:39+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Paul Tibbets, come puo’ aver vissuto tanti anni senza alcun problema.

  1. Che dire,nella II guerra tedeschi e giapponesi non hanno certo lesinato in vigliaccate,ma chi per vincere,ha bombardato le città europee senza preoccuparsi dei civili che le abitavano e non ha mostrato esitazione alcuna ad Hiroshima,non è migliore di chi ha usato i lager come strumento di sterminio.
    Ciao,Giorgio.

Lascia un commento