Dal blog Travaglio-Corrias-Gomez,l’indulto e l’ordine pubblico.

 4 novembre 2007, in SOCIETA’

Foto di Lady Apollo da flickr.comSegnalo due notizie apparse sulle colonne de “L’Unità”. La prima: sabato 3 novembre il ministro Antonio Di Pietro scrive a Marco Travaglio, che lo aveva aspramente criticato, ammettendo di essersi sbagliato: il voto contrario dell’Italia dei Valori alla commissione d’inchiesta sul G8 di Genova, dice il ministro, è stato un errore. Certo, Di Pietro continua a difendere le ragioni, a mio parere non condivisibili, che hanno spinto il suo partito a votare in quel modo. Ma dice: «ho sbagliato nel non essere riuscito a trovare una soluzione politica nell´ambito della coalizione in materie che – con il dialogo e la reciproca comprensione – potevano trovare una giusta soluzione».

Seconda notizia: domenica 4 novembre il ministro Clemente Mastella viene intervistato sull’emergenza criminalità e i gravi problemi spesso causati dall’immigrazione rumena. Il Guardasigilli dice: «Le critiche dell’opposizione sono pretestuose». Il giornalista lo interrompe: «Come la mettiamo con l’indulto? Ha aggravato la situazione?». Mastella si attorciglia: `«L’indulto con questo non c’entra. La metà di quelli che sono usciti, quindi 12 mila persone, sarebbe uscita comunque perché ha scontato la pena. I rumeni che delinquono sono dentro». Ovviamente non è vero: l’indulto, grazie al cielo, non è stato un provvedimento razzista. Ha riguardato detenuti di tutte le nazionalità e di tutti i ceti sociali (Previti insegna). È stato solo un provvedimento sbagliato.

permalink | creato da peter_gomez il 4/11/2007 alle 19:47 |

 

 

Il mio commento

 commento di   ivo serentha –   lasciato il 5/11/2007 alle 20:50

E’ stato un provvedimento sbagliato, non c’e’ dubbio, ma in alternativa cosa sarebbe successo, le prigioni erano e lo stanno diventando di nuovo,con una densita’ di carcerati improponibile, se non avessero deciso di farne uscire una parte, molto probabilmente ci sarebbe stata una rivolta nei penitenziari di difficile evoluzione, ho s’investe di piu’ su nuove carceri,oppure si trovano innovative forme di detenzione,tipo braccialetto elettronico, altrimenti possiamo fare molti bla,bla e chiacchericci ma fine a se stessi.

Un ultimo particolare sui costi delle prigioni,ogni detenuto costa intorno ai 300-400 euro al giorno considerando le strutture e gli stipendi di chi vi opera,se vogliamo ampliare le finanziarie economiche per migliorare la situazioni dell’ordine pubblico bene, altrimenti giriamo pagina e cambiamo anche libro.

Dal blog Travaglio-Corrias-Gomez,l’indulto e l’ordine pubblico.ultima modifica: 2007-11-05T20:57:22+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento