Dal blog Travaglio-Corrias-Gomez, dal carro si scende e si sale secondo i momenti.

Biagi se n’è andato, tranquilli


Foto di niklens da flickr.comHa ragione il grande Piero Mazzarella, l’attore, che uscendo dalla camera ardente allestita per Enzo Biagi dice ai microfoni: “Oggi ho sentito un uomo politico importante dire che di Enzo Biagi aveva stima. A me sembra veramente troppo poco. Uomini come lui li lasciano morire e sono capaci di commemorarli quando finalmente se ne sono andati, così loro si sentono più tranquilli”.

L’uomo politico che Mazzarella non nomina non è solo Silvio Berlusconi, quello dell’editto bulgaro che oggi dice: “Non c’è mai stato alcun editto bulgaro”. Ma i moltissimi altri uomini magari non politici, magari giornalisti – furbi, in carriera, apparentemente miti, affettuosamente bugiardi o anche solo poco coraggiosi –  che incensano Biagi, ma intanto lo tradiscono, facendogli il torto di non rispettare la sua prima e la sua ultima volontà: testimoniare i fatti con la verità e usare i fatti per raccontarla.

Come Gianni Riotta, il furbo direttore del Tg1, che nella serata del cordoglio racconta proprio tutto di Biagi (lo chiama Enzo, lo ammira, lo incensa, gli rende omaggio) ma all’ultimo si scorda di rimandare in onda proprio l’editto bulgaro, quello che non esiste, quello che non si deve rivedere. Col quale Enzo Biagi, se avesse fatto lui il servizio sul proprio onorato addio, avrebbe iniziato il pezzo.

Il mio commento

commento di   ivo serentha –   lasciato il 8/11/2007 alle 21:20

Riotta,e’tutto un programma,se l’hanno scelto sul tg1 evidentemente e’ l’uomo giusto al posto giusto, chiunque andra’ a sedersi su quella poltrona ha il suo da fare per starci, un’attenzione certosina su cosa far passare al convento, l’arte di sottolineare e cancellare,altrimenti c’e’ una lunga fila di ruote di scorta, tutte assolutamente all’altezza della situazione.

Non tutti i gusti sono alla menta, su quel canale ci capito raramente e il piu’ delle volte per sbaglio.

Dal blog Travaglio-Corrias-Gomez, dal carro si scende e si sale secondo i momenti.ultima modifica: 2007-11-08T21:20:00+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento