Dal blog di Travaglio-Corrias-Gomez, il mancato contraddittorio

Ma mi Facci il piacere

Foto di funkymorro da flickr.comUliwood party
da l’Unità del 10 novembre 2007

L’altroieri, nell’AnnoZero dedicato a Enzo Biagi e dunque alla censura, la Rai del centrosinistra ha pensato bene di censurare Filippo Facci, giornalista della Fininvest e del Giornale, reo di aver definito la Rai «una cloaca», dunque querelato e tenuto fuori della porta.

Quando queste cose le faceva la Rai del centrodestra, un giorno sì e l’altro pure, gli house organ berlusconiani scrivevano che la colpa della censura non era dei censori, ma dei censurati che se l’andavano a cercare per poi fare i martiri. Tra i più convinti assertori della singolare tesi c’era proprio Facci, che all’epoca si guardava bene dal definire «cloaca» la Rai.

Ora sarebbe facile ritorcergli contro il suo sragionamento: Santoro ti invita il martedì per il giovedì, e tu il mercoledì scrivi che la Rai è una cloaca (e sul giornale di Berlusconi, sai che eroismo), dunque l’hai fatto apposta per farti cacciare e tirartela da martire. Ma, non essendo io Facci e non volendo diventarlo, non lo scrivo e non lo penso. Penso invece che Facci abbia il diritto di scrivere tutte le fesserie che vuole e chi si ritiene diffamato abbia il diritto di querelarlo. In attesa del giudizio dei giudici, che di solito arriva dopo 10 d’anni, Facci non può restar fuori dal «servizio pubblico», proprio perché è pubblico, cioè di tutti. Anche di Facci e dei suoi lettori. Dire: «Ti ho querelato, quindi non entri» è un abuso illiberale. Come se le Poste non consegnassero più le lettere a chi è in causa con loro. Ma alla Rai è ancora più grave, perché dirigenti e amministratori sono scelti dai partiti. Dunque gli emissari dei partiti hanno in mano un’arma formidabile per tagliare fuori (com’è avvenuto nel quinquennio del regime berlusconiano) chi è sgradito ai partiti: basta una querela, fondata o infondata che sia.

Che un’azienda non apprezzi di essere definita “cloaca”, è comprensibile (Mediaset querela per molto meno: basta ricordare i processi per i fondi neri o le sentenze della Consulta che le intimano di rinunciare a una rete, per essere subissati di cause milionarie in euro). Che la Rai abbia querelato Facci, nel paese dove tutti denunciano tutti, è quasi normale. Facci aveva più volte insultato anche Biagi («Non giornalista per tutte le stagioni»), che l’aveva denunciato ottenendo dal tribunale un risarcimento di 10 mila euro dal Giornale. Fatti privati, faccende che riguardano gli interessati e i rispettivi avvocati. Qui invece c’entriamo tutti noi. Anche perché, a sollecitare la querela Rai contro Facci, erano stati alcuni parlamentari del centrosinistra, fra cui la capogruppo del Pd al Senato Anna Finocchiaro e il suo vice Nicola Latorre.

Dunque la consecutio è la seguente: il maggior partito di governo chiede alla Rai di denunciare un giornalista, la Rai esegue, e da quel momento il giornalista non mette più piede in Rai. E’ triste che nemmeno tre giornalisti seri e perbene come Rizzo Nervo, Curzi e Rognoni, che siedono nel Cda Rai, abbiano colto la pericolosità di un simile cortocircuito. Ma è ancor più triste che non abbiano capito quanto stupida fosse questa censura.Tanto più in un programma dedicato alla censura. Tantopiù dopo le mille filippiche contro Santoro & C. che «non vogliono il contraddittorio».

Facci, ancora l’altro giorno, aveva scritto sul Giornale una pagina di puro astrattismo sul caso Berlusconi-Biagi, sostenendo in pratica che il vecchio Enzo, nel 2002, si era cacciato da solo per intascare una congrua liquidazione, il diktat bulgaro non c’entrava, anzi non c’è mai stato: infatti Facci lo chiama «il cosiddetto editto». Quale occasione migliore di Annozero per mettere a confronto la falsa vulgata berlusconian-facciana con quella di Loris Mazzetti che visse quella terribile esperienza accanto a Enzo, e per discutere di censura con Sabina Guzzanti, epurata dai postumi del «cosiddetto editto» e mai reintegrata; con Lilli Gruber, testimone di quella stagione; e con Enrico Mentana, che nel 2002 minimizzò i prevedibili effetti del «cosiddetto editto»?

Anziché censurare Facci (per giunta su proposta dell’Udc Staderini), la Rai sarebbe stata molto più intelligente ed efficace emanando un comunicato semplice semplice: «Facci ha definito quest’azienda “una cloaca”, dunque l’abbiamo querelato. Ma, diversamente dalla Rai che piaceva tanto a lui, questo è un servizio pubblico, dunque lo invita lo stesso. Pur sapendo benissimo che, ospitandolo, rischia davvero di apparire una cloaca».

permalink | creato da marco_travaglio il 11/11/2007

Il mio commento

commento di   ivo serentha –   lasciato il 11/11/2007 alle 22:58

Non ho idea se la Rai abbia fatto un autogol coscientemente oppure frutto di un piano concordato a tavolino per non determinare polemiche aggiuntive sul caso Enzo Biagi, anzi lasciare monca la trasmissione di Santoro dal contraddittorio la si delegittima in buona parte, infatti le critiche all’indomani sono state rivolte al senso unico presente, una serata day su Biagi per limitare le polemiche e liquidare l’argomento, cosi’ come non si riesca a legiferare sul conflitto d’interessi, un equilibrio tenuto sapientemente per lasciare intatte le due coalizioni, soffocando qualsiasi novita’ che ne deriverebbe, lasciando spazio ad un servizio pubblico limitato a uno-due canali e mediaset venduta senza zampini familiari dell’attuale proprieta’.

Ma tutto cio’ sarebbe normale in un paese diverso da questo,lasciare Santoro ed anno zero al pensiero diffuso di faziosita’, e’ una tradizione che deve continuare.

Dal blog di Travaglio-Corrias-Gomez, il mancato contraddittorioultima modifica: 2007-11-11T23:00:00+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Dal blog di Travaglio-Corrias-Gomez, il mancato contraddittorio

Lascia un commento