La linea di Osvaldo Cavandoli e dopo Carosello tutti a nanna.

Quella “linea”che incantò l’Italia del boom.

Milano, anni Sessanta. Con un segno grafico asciutto e geniale il disegnatore Cavandoli inventa l’omino perseguitato che sempre si rialza e comincia a andare, andare… di M. SERRA

Per l’intero articolo

http://www.repubblica.it/2007/11/sezioni/spettacoli_e_cultura/linea-cavandoli/linea-cavandoli/linea-cavandoli.html

Il video

Da la repubblica-you tube-foto ricerca google

Fu un’idea ingegnosa, la linea che scorreva sul teleschermo,ai tempi le sponsorizzazioni erano di secondo piano, subentravano in seconda battuta, gustandoci degli interessanti filmati precursori dei cortometraggi, simpaticissimo linea, un po’ sfigatello,rissoso,romantico e divertente, grazie al grande genio del compianto Osvaldo Cavandoli.

Dopo Carosello i bambini tutti rigorosamente a nanna, altri tempi, ma ricordi di un dolce sapore.

La linea di Osvaldo Cavandoli e dopo Carosello tutti a nanna.ultima modifica: 2007-11-18T11:45:00+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento