Letizia Moratti, come toppare sulla nomina dei consulenti, davvero una brutta figura

Altri quattro funzionari devono rispondere di vari reati

Letizia Moratti indagata per abuso d’ufficio
Inchiesta sugli «incarichi d’oro» a consulenti esterni. Il sindaco: «Sono serena, abbiamo reso più efficiente la macchina del Comune»
MILANO – Il sindaco di Milano Letizia Moratti è indagato per abuso d’ufficio a scopo patrimoniale nell’ambito dell’inchiesta sugli «incarichi d’oro» assegnati a consulenti esterni. Perquisizioni e acquisizioni di documenti a Palazzo Marino da parte della Guardia di finanza e dei carabinieri. I reati contestati sarebbero stati commessi tra il luglio 2006 e il febbraio 2007. La Procura contesta al primo cittadino di non aver rispettato i criteri di competenza e professionalità nella nomina dei consulenti violando i criteri della prioritaria pubblicità e della ricerca all’interno dell’amministrazione, della professionalità e della comparazione tra diversi curriculum. Nell’inchiesta è emerso che una decina di funzionari di alto livello sarebbero stati forzati a rinunciare alla propria carriera, andando in pensione con incentivi che andavano dalle 4 alle 15 mensilità, con decisioni prese nel giro di tre giorni. In seguito sarebbero stati nominati in totale una novantina di funzionari con stipendi a volte triplicati.
LA RICOSTRUZIONE – Secondo gli investigatori «è stata azzerata la memoria storica del Comune di Milano». L’indagine riguarda una decina di casi di concussione da parte di tre alti dirigenti di Palazzo Marino a danno di funzionari che sarebbero stati forzati ad andare in pensione nel 2006. Nell’inchiesta del pm Robledo è emerso da «testimonianze plurime e concordanti» che una decina di funzionari con ruoli di coordinamento, a fine agosto 2006, sono stati convocati dai vertici del Comune e messi davanti a un bivio: andare in pensione decidendo nel giro di tre giorni al massimo o essere demansionati con un taglio dello stipendio che poteva arrivare al 25%. Quegli stessi funzionari, con un lettera firmata dal sindaco il mese scorso, sono stati invitati per venerdì 30 novembre alle 18 a Palazzo Reale, dove, nella sala delle Cariatidi, riceveranno una medaglia di benemerenza in qualità di dipendenti del Comune per «la lunga e fattiva collaborazione».
«SONO SERENA» – «Sono serena e assolutamente certa che l’inchiesta si concluderà positivamente». È tranquilla e ottimista Letizia Moratti e si è detta pronta a collaborare con la magistratura e a fornire tutti gli elementi necessari. «L’attività di indagine riguarda i dirigenti nominati all’inizio del mio mandato». Una attività di cui la Moratti va fiera in quanto ha portato a «creare maggiore efficienza nella macchina del Comune, riuscendo a mettere più investimenti al servizio dei cittadini, 94 milioni di euro in due anni, e ad abbassare le tasse. Sono orgogliosa della riorganizzazione che ho fatto e la rifarei. Sono serena, tranquilla – ha ribadito – lasciamo che la magistratura possa compiere, come è giusto, le indagini. Noi collaboriamo pienamente». La Moratti si è detta anche disponibile a riferire dell’inchiesta in Consiglio comunale qualora giunga una richiesta in tal senso dall’assemblea.
Da corseraweb
Dal blog di Piero Ricca, l’intervista che anticipava l’avvio d’indagine della magistratura e la procedura avviata ufficialmente oggi.
 
Ho l’impressione che la Letizia dei miracoli, una settimana fa alle invasioni barbariche da Daria Bignardi, sia davvero nei guai, l’aver inserito consulenti a lei “simpatici” a danno di chi aveva i requisiti e competenze, non penso che con questi presupposti possa avere una eventuale sentenza favorevole, il suo comportamento è palesemente prevaricante e scorretto.
Good bye Letizia quella leggera puzza sotto il naso che la contraddistingue si è per certi versi affievolita, la più alta carica di una qualsiasi città per esser considerata un’amministratrice di livello, non si comporta così.
Un plauso a Piero Ricca, con le sue inchieste-assalto, considerabili hard per i toni, per le domande assolutamente non patinate, ma nell’onestà e precisione assoluta.
Dal suo blog, postato da pochissimo.

Letizia e i suoi cari

Novembre 29, 2007 on 6:45 pm | In Politica |

Letizia Moratti è indagata per abuso di ufficio per irregolarità nelle nomine di decine di dirigenti comunali. Oggi gli uffici del municipio sono stati perquisiti dai militari della Guardia di Finanza e dai carabinieri della Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica. Con lei sono indagati Giampiero Borghini, direttore generale del Comune ed ex sindaco (concussione, abuso d’ufficio e truffa aggravata), il vice direttore generale Rita Amabile (concussione), l’ex direttore centrale delle risorse umane del Comune, Federico Bordogna, e il capo di gabinetto di Letizia Moratti, Alberto Bonetti Baroggi, accusato di truffa aggravata.
Tra le ipotesi formulate dal pubblico ministero Robledo quella che alcuni dirigenti abbiano costretto alcuni dipendenti ad andare in pensione per liberare gli incarichi.
Il reato di abuso d’ufficio contestato al sindaco va dal luglio del 2006 al febbraio 2007 e si riferisce al fatto che al primo cittadino spetta l’individuazione delle persone da nominare secondo criteri di esperienza, competenza e professionalità, rispettando il principio della pubblicizzazione all’interno della pubblica amministrazione. Nell’inchiesta è emerso che una decina di funzionari di alto livello sarebbero stati forzati a rinunciare alla propria carriera, andando in pensione con incentivi che andavano dalle 4 alle 15 mensilità, decidendo nel giro di soli tre giorni. In seguito sarebbero stati nominati in totale una novantina di funzionari, con stipendi a volte triplicati (e criteri si stratta lottizzazione partitica, ndr). (Fonte: Ansa)

L’indagine muove da un esposto del consigliere comunale Basilio Rizzo, che oggi commenta: “Non sono contento che debba arrivare la magistratura e non la politica a dare risposte”. Sulla questione infatti non c’è stato alcun dibattito in consiglio comunale, nemmeno dopo che la Corte dei Conti, su esposto dello stesso Rizzo, ha notificato alla Giunta Moratti un primo provvedimento, che potrebbe portare al risarcimento di decine di milioni di euro.

http://www.pieroricca.org/

Letizia Moratti, come toppare sulla nomina dei consulenti, davvero una brutta figuraultima modifica: 2007-11-29T21:15:39+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento