Tumori linfatici,ottime notizie dalla ricerca scientifica italiana

TUMORI:LINFOMI;ANTICORPO RADIOATTIVO COMBATTE CELLULE MALATE

ROMA – Una nuova ‘arma’ intelligente di seconda generazione è disponibile e funziona facendo regredire completamente i linfomi non-Hodgkin in quasi 9 pazienti su 10 (nell’87%): é un anticorpo monoclonale (90Y-ibritumomab tiuxetano) arricchito di ittrio-90, un radioisotopo che guida il farmaco solo sulle cellule malate risparmiando quelle sane. Agisce per ora contro uno dei tumori più aggressivi e subdoli, i linfomi non-Hodgkin di tipo follicolare che colpiscono intorno ai 60 anni e che per molto tempo restano silenti (indolenti) fino a disseminarsi e richiedere perciò una terapia rapida e molto efficace.

 Lo confermano i risultati dello studio FIT (First-line Indolent Trial) che sono stati presentati al 49° meeting dell’American Society of Hematology in corso ad Atlanta, Georgia, negli USA. “Si è registrato – spiega il prof. Mario Petrini, direttore della Clinica Ematologia di Pisa e coordinatore italiano dello studio – che il 77% dei pazienti che dopo la chemioterapia avevano avuto solo una remissione parziale della malattia, hanno avuto una remissione completa, per un totale di 87% dei pazienti che hanno ottenuto tale remissione completa. Inoltre si è registrato un prolungamento del periodo libero da malattia di circa 2 anni”. Lo studio ha visto l’Italia giocare da protagonista: “Siamo stati il secondo Paese al mondo come pazienti arruolati – conclude Petrini – con ben 11 centri coinvolti e la conferma di una grande collaborazione fra ematologi e medici nucleari”.

 

Da ansa web

Nonostante gli scarsi fondi dedicati alla ricerca scientifica nostrana, esistono ricercatori molto validi, in questo caso dall’università di Pisa, a tutto lo staff condotto dal prof.Mario Petrini i miei complimenti.

Tumori linfatici,ottime notizie dalla ricerca scientifica italianaultima modifica: 2007-12-09T23:35:58+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Tumori linfatici,ottime notizie dalla ricerca scientifica italiana

Lascia un commento