Dal blog Travaglio-Corrias-Gomez,intercettazioni

Uomini, soldati e maggiordomi

Foto di cycle60 da flickr.comSull’intercettazione tra Silvio Berlusconi e Agostino Saccà, scaricabile dal sito de L’Espresso, sono stati scritti fiumi di parole. Riascoltandola colpiscono però due particolari. Il primo: Berlusconi dà del tu a Saccà che risponde usando sempre il lei. Il secondo: Berlusconi definisce il consigliere di amministrazione Rai, in quota Lega, Giovanna Bianchi Clerici «la soldatessa di Bossi». Non credo che sia un caso: solo nell’esercito, infatti, i superiori si rivolgono col tu ai sottoposti, i quali rispondono con il lei. Per questo è sbagliato definire ciò che resta del centro-destra la Casa delle Libertà. Quella non è una casa, è una caserma.

Intendiamoci, non che dall’altra parte, le cose vadano molto meglio. Nel 2005, quando si è trattato di nominare il nuovo consiglio di amministrazione della Rai, i partiti del centrosinistra, al pari di quelli del centrodestra, non hanno esitato a violare la legge Gasparri appena approvata. Il quarto comma dell’articolo 20 della nuova, orribile, normativa, infatti recita: «Possono essere nominati membri del cda Rai […] persone  di riconosciuto prestigio, competenza professionale e di notoria indipendenza di comportamenti…». Il risultato è stato che l’Ulivo ha messo ai vertici della tv di Stato Giancarlo Rognoni, deputato Ds, Nino Rizzo Nervo, già direttore di Europa, il quotidiano della Margherita, Sandro Curzi, ex direttore di Liberazione, il giornale di Rifondazione Comunista, mentre presidente è stato scelto Claudio Petruccioli, parlamentare della quercia.
 
A prescindere dalle qualità delle persone, si tratta di uno spettacolo mai visto nemmeno negli anni più bui della Prima Repubblica. Prendersela con Saccà e Berlusconi, dunque, va bene, ma per favore non chiudiamo gli occhi.  

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconisaccàraicentrosinistra

permalink | creato da peter_gomez il 21/12/2007

 

Il mio commento

commento di   ivo serentha –   lasciato il 22/12/2007 alle 0:16

A parte la conclusione di Peter che condivido, non vi à traccia di un sistema così incancrenito nemmeno negli anni più bui della prima repubblica, a mio parere l’aspetto più deteriore, è che non esiste ritegno e vergogna nelle performance dell’asso pigliatutto,mi riferisco al bandanato di recente memoria,non esistono nell’area Euro più evoluta,comportamenti di questo genere e se per caso ne emergessero di similari ci sarebbero le spontanee dimissioni non solo del funzionario ma soprattutto del politico in questione, che adotti questi sistemi di corruzione per far cadere un governo.

Oltretutto sarà nuovamente imbarazzante prendere atto, che non perderà manco una manciata di voti per i suoi “illuminanti” comportamenti.

L’incancrenimento non è solo della nostra classe dirigente,è ben presente in ogni strato sociale.

Alla prossima vaccata, il callo sta ispessendo sempre più.

Buona vigilia di festività,Ivo.

Dal blog Travaglio-Corrias-Gomez,intercettazioniultima modifica: 2007-12-22T00:20:11+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento