Loredana,la sua triste fine, grazie alla pubblica visione generale

Il suicidio preannunciato di Loredana

 

A 16 anni sono molti gli ostacoli che possono sembrare insuperabili, anche vivendo in una condizione protetta e sicura. Se poi c’è un rapporto violento con il padre, una madre forse incapace di affrontare la situazione, una società civile indifferente o addirittura aggressiva verso la “diversità” il risultato rischia di essere drammatico. Proprio come drammatico è stato l’esito della breve vita di Loredana: che era una ragazzo ma si sentiva una donna. Una donna in un corpo sbagliato. Loredana soffriva di un disturbo dell’identità di genere, non riusciva più a stare in quella famiglia che l’aveva abbandonata, forse schernita, e dopo vari rifiuti da parte di centri che avrebbero dovuto ospitarla, era finita in una comunità maschile: 35 ragazzi tra i 15 e i 17 anni. Nessuno la voleva, Loredana. Nessuno, o quasi, ha raccontato della sua drammatica e evitabile morte: impiccata con un foulard pochi giorni fa nella sua stanza della Comunità Alice, nella provincia di Agrigento. Durante una notte in cui la solitudine, il rifiuto, il dolore di non trovare un sostegno l’hanno portata a uccidersi. La morte di Loredana è l’ennesimo episodio in questo Paese che abbandona molti dei suoi figli, per poi piangerli (spesso ipocritamente) e sentenziare la loro seconda condanna a morte: l’ormai inutile domandarsi di chi è la colpa. Inutile perché poi non accade nulla. Perché si continua a votare “secondo coscienza” a favore dell’omofobia, perché si invoca la famiglia tradizionale per umiliare le scelte diverse. Perché la libertà e il rispetto sono solo trite parole e non basta abolire la pena di morte.

da http://bioetiche.blogspot.com/2007/12/il-suicidio-preannunciato-di-loredana.html

 

Grazie a Chiara e il suo blog per aver inserito la drammatica storia di Loredana.

Tramite consultazione google ho trovato questo commento sulla povera ragazza, Loredana, si è tolta la vita dopo varie vicissitudini, in primo luogo una società che non tollera la diversità,la schernisce, se ne vergogna,addirittura iniziando dalla famiglia, proseguendo nelle istituzioni sia locali che a livello nazionale, se la risposta al suo disagio vuol dire inserirla in una comunità di soli ragazzi, tutto ciò è interpretabile come grave mancanza,non solo di sensibilità ma di organizzazione, pare che il pensiero comune verso chi interpreta nella vita una diversa sessualità a prescindere dal registro anagrafico,sia motivo di fastidio,addirittura vengono istituzionalizzate norme omofobiche da parte di movimenti politici riconducibili al potere clericale.

Non solo per questo motivo siamo parecchio arretrati rispetto alla civilissima Europa, presa a modello solo per soluzioni economiche,pensionistiche, ma che non si vada a somigliare nel welfare per esempio, assolutamente non all’altezza rispetto ai paesi citati prima.

Solita tecnica da furbetti del quartierino, sconfinato nei soliti poteri forti e politica compiacente.

Affinchè non si ripetano altre storie come quella della ragazza siciliana,spero che ci siano riforme atte a salvaguardare la vita di chi nasce con delle differenze rispetto alla maggioranza di tutti noi.

Loredana,la sua triste fine, grazie alla pubblica visione generaleultima modifica: 2007-12-23T22:00:00+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Loredana,la sua triste fine, grazie alla pubblica visione generale

  1. Ero passata solo per lasciare un piccolo augurio, ma poi trovando questo post… Un pò ne ho perso la voglia…
    Purtroppo non sempre si è accettati, purtroppo non sempre si è amati… Vorrei solo che il mondo cambiasse per certi aspetti, vorrei solo che…
    Non vorrei sentirmi in colpa per essere così fortunata, per essere amata e per essere accettata da tutti per ciò che sono e vorrei che per tutti fosse così!
    Nessuno dovrebbe permettersi di emarginare una persona solo perchè viene considerata “diversa”, nessuno lo è, siamo tutti uguali, un viso, due occhi, un naso, una bocca, due braccia, due gambe, un cuore e un’anima! Siamo tutti costituiti da un involucro, è solo un involucro quello che racchiude la nostra vera essenza! Proveniamo tutti dallo stesso seme e nessuna caratteristica ci rende diversi dall’ESSERE UMANO!

    Questo era il motivo del mio passaggio:
    Con la slitta l’uomo in rosso fa sgommate a piu’ non posso: monta il turbo con l’assetto e lo scarico diretto. Con il cambio sequenziale porta a tutti un buon Natale!!!
    Che sia colmo d’AMORE!
    Con tutto il mio Cuoricino……..
    Karty

    Ps. Mi sembrava carino, ma adesso sono tanto triste…

  2. Ciao Kartika,

    Grazie per il tuo commento, non devi essere assolutamente triste, di persone come te che rispettano il prossimo,chiunque sia, sempre che sia una persona rispettabile, Loredana e tutte le vittime, disprezzate dal diffuso pensiero delle diversità, al contrario ne saranno felici ovunque siano in questo momento, perlomeno per rendere normale la vita di tutti loro, di chi ancora lotta per la propria sopravvivenza.

    Ciao e buone festività, Ivo.

Lascia un commento