Dal blog di Piero Ricca,padania

Padania Libera

Dicembre 23, 2007 on 2:26 pm | In Politica |

Domenica 16 dicembre era prevista la manifestazione della lega nord a Milano. Siamo andati a curiosare. L’umanità bossiana mi diverte. Gli organizzatori hanno fatto le cose in grande: centinaia di pullman dalle valli, tutti i parlamentari presenti, i sindaci-sceriffi ad arringare la folla dal palco. E poi, il senatur. Il capo carismatico è sempre lui. Ed è tutto dire. C’erano Calderoli, Maroni, Castelli e tutti gli altri capetti della setta, ognuno con scorta, auto blu e pensione d’oro, alla faccia dei magnoni romani. C’era pure Mario Borghezio, che è sempre un bello spettacolo. Gli slogan sono gli stessi da vent’anni: Padania libera, ognuno padrone a casa sua, Roma ladrona. Novità di giornata: Prodi porco. In nome di questi limpidi ideali un gruppo di spudorati furbacchioni s’è sistemato a vita. L’alternativa era un’esistenza da avanzi di balera nelle retrovie del Varesotto. M’ero annotato mentalmente alcune questioni da sottoporre ai manifestanti: il fatto che alcuni esponenti della lega erano al soldo di Fiorani, il caso Credieuronord, i debiti magicamente ripianati all’indomani della seconda alleanza con il nano… Ma poi ho desistito. Non ho avuto cuore di infierire. Ecco il video.

 Dal blog di Piero Ricca http://www.pieroricca.org/2007/12/23/padania-libera/

Il mio commento

Più che infierire Piero, i soggetti della riunione di oggi sono comparabili a tifosi di curva, poche idee e confuse a mio parere,coltivate in un senso dello Stato ormai alla frutta,per essere ottimisti.

Lascerei democraticamente al loro destino la vita di questo movimento,le percentuali dei votanti sono assestate alle ultime tornate elettorali, se un tempo potevano preoccupare, ora sono giudicabili come valvola di sfogo che si giudica da se.

Nel nostro paese funziona poco e quel poco pure discretamente male,esiste malcontento per il carovita,le retribuzioni pessime rispetto all’area Euro,i servizi sociali tipo scuola,sanità non all’altezza della pressione fiscale che subiamo tutti noi o almeno in buona parte,l’insicurezza palese nei posti di lavoro,una certa xenofobia per la massiccia emigrazione degli ultimi anni, che fa ricca molta imprenditoria ma rende in una certa percentuale meno sicuro l’ordine pubblico del paese,tenendo presente che la stragrande maggioranza di queste persone contribuisce legalmente e in nero all’economia, ma nessuno ricorda questo particolare naturalmente.

Concludendo,l’Italia è destinata ad impoverirsi sempre più,la forbice tra ricchezza e povertà sarà sempre più ampia, un trend inevitabile, complice la globalizzazione a cui il paese non ha la competenza e il senso di legalità per poter far fronte.

Saluti, Ivo.

Commento di ivo serentha — 24 Dicembre 2007

Dal blog di Piero Ricca,padaniaultima modifica: 2007-12-24T00:35:00+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Dal blog di Piero Ricca,padania

  1. Non frequento le curve,però da certe immagini e comportamenti dei tanti fenomeni di quel settore dello stadio, emergono tribalità e zucche in buona parte vuote, il tutto per dei mutandari ora milionari, avrei potuto paragonare il fenomeno ancor peggio, già così direi che è un quadro poco edificante.

    Grazie per la valutazione, il grande problema è che da molto tempo sto diventando ripetitivo, ma il panorama generale anche quello non scherza.

    Ciao Demos, domani altro giorno festivo,evviva.

    Ivo.

Lascia un commento