Cuffaro dimesso,la regione Sicilia e il paese ringraziano,nonostante il ventilato rilancio dell’udc

Dopo la condanna a 5 anni per favoreggiamento e la chiaccherata foto con i cannoli
“Non potevo essere fattore di divisione. Lascio per rispetto verso i siciliani”

Cuffaro si è dimesso da Governatore
“E’ una decisione irrevocabile”

Secondo fonti parlamentari Udc, alle elezioni politiche sarà candidato capolista al Senato

<B>Cuffaro si è dimesso da Governatore<br>"E' una decisione irrevocabile"</B>

Un manifesto di Rifondazione

PALERMO – Lascia il Governatore della Sicilia. Anticipando il procedimento di sospensione avviato presso il ministero dell’Interno e richiesto dalla procura di Palermo, Salvatore Cuffaro annuncia le sue dimissioni “irrevocabili”. Dopo le polemiche legate alla condanna a cinque anni di reclusione per favoreggiamento, il Governatore abbandona perchè “non può essere fattore di divisione”: “Mi dimetto per non tradire quegli ideali ai quali sono stato educato. Lo faccio per la mia famiglia e lo faccio come ultimo atto di rispetto verso i siciliani”.

“Ho visto diffondersi in questi giorni una crescente ostilità verso la mia persona. E siccome il popolo, più che i salotti o le manovre di palazzo, è sempre stato l’elemento centrale della mia esperienza politica, anche in questa circostanza così delicata non voglio sottrarmi ad un confronto leale con esso”.

Nuove elezioni quindi in Sicilia: “Entro tre mesi dallo scioglimento dell’Assemblea” ha annunciato il presidente del parlamento siciliano Gianfranco Miccichè.

Subito dopo la sentenza di condanna, Cuffaro aveva detto che non si sarebbe dimesso, ma le polemiche di questi giorni e le critiche sollevate anche da alcuni rappresentanti della sua parte politica, lo hanno convinto a lasciare la poltrona che sognava essere sua fino al 2011. Ma in politica l’ex Governatore resterà. Secondo fonti parlamentari dell’Udc, alle prossime elezioni politiche, l’ex presidente della Regione Sicilia dovrebbe essere candidato come capolista al Senato. Nel caso si decidesse di destinare l’ex governatore alla Camera dei deputati verrebbe inserito o come capolista o subito dopo il nome del leader Pier Ferdinando Casini che si detto convinto che “tra qualche mese, quando Cuffaro sarà assolto da tutte le accuse, tanti sciacalli di queste ore saranno in prima fila a chiedergli scusa”.
Gli è stata fatale la foto con un platò di cannoli per festeggiare di aver scansato l’accusa di aver favorito Cosa Nostra. Quella foto ha fatto il giro del mondo. Il perdono della città seguito alla condanna, si è trasformato in attacco dopo la pubblicazione di quell’immagine. Luca Cordero di Montezemolo, presidente degli industriali l’ha definita una “brutta scena” e Walter Veltroni, segretario del Pd, si è domandanto se davvero fosse morale “festeggiare una condanna a 5 anni con dei cannoli”.

Da la repubblica web

Una incommensurabile soddisfazione, la pressione mediatica,politica e di tutti noi che avevano chiesto le sue dimissioni, hanno fatto si che l’inguardabile politico si sia messo da parte, gli imbarazzi del segretario dell’udc Pierferdinando Casini dovute alle prese di posizione di più parti,sono stati scatenanti ed hanno portato a questa decisione, la ventilata volontà del suo partito nel volerlo capolista nelle prossime elezioni politiche è sconcertante, alla faccia delle campagne del parlamento con la fedina penale pulita, fino a quando questi comportamenti non cesseranno, saremo sempre considerati un paese per niente affidabile e disonesto.

Cuffaro dimesso,la regione Sicilia e il paese ringraziano,nonostante il ventilato rilancio dell’udcultima modifica: 2008-01-26T19:55:33+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Cuffaro dimesso,la regione Sicilia e il paese ringraziano,nonostante il ventilato rilancio dell’udc

  1. Eppure cara Cenerentola, non solo in questo caso, ma martedì a Ballarò il suo segretario di partito,il novello sposo per la seconda volta, il cattolicissimo Casini, difende a spada tratta questo “gran politico”, sono storie e vicende che possono realizzarsi solo dalle nostre parti.

    Buona domenica a te,Ivo

  2. Una buona percentuale di astensionismo alle prossime elezioni dovrebbe concretizzarsi, anche se il fenomeno penalizzerà più che altro il centro sinistra, questa coalizione pagherà lo scotto d’esser stata molto conflittuale.

    Sarà curioso verificare come la destra riuscirà o meno ad invertire il declino non solo economico del paese.

    Auguri,ne abbiamo bisogno,Ivo

  3. Se il titolo può apparire non molto azzeccato, ci sta, non mi pare che sia errato denominare la regione Sicilia al posto di regione siciliana, è inteso per il popolo che non ha votato il fenomeno dimissionario.

    Ho fatto un giretto su google,appaiono articoli in entrambi le forme di scrittura.

    L’astensionismo non fa per me,alla destra non regalo il mio mancato voto, da quelle parti andranno a votare in massa e del fenomeno dell’astensionismo,non solo quello, se ne fanno un baffo.

    Aggiungendo il mio rispetto per qualsiasi comportamento alle prossime elezioni,inteso legalmente.

    Saluti,Ivo

Lascia un commento