Rifiuti e raccolta differenziata, ancora molta strada da fare

Presentato il rapporto Apat con i dati 2006: l’aumento rispetto al 2005 è stato del 2,7%
Tra casi virtuosi e buchi neri, la differenziata è ferma al 25% e stenta a decollare

Rifiuti, produzione in continua crescita
il record negativo è della Toscana

Mediamente in un anno ogni italiano produce 563 chili di immondizia
Tra le note positive le poche discariche in Lombardia e il boom del riciclo in Sardegna
di VALERIO GUALERZI

<B>Rifiuti, produzione in continua crescita<br>il record negativo è della Toscana</B>

L’emergenza rifiuti in Campania

ROMA – Quasi due chili di immondizia al giorno a testa, per 365 giorni l’anno. E’ l’inquietante primato della Toscana, la regione con la produzione di rifiuti procapite più alta d’Italia. Un dato certificato dal Rapporto 2007 dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente, presentato questa mattina a Roma dal ministro Alfonso Pecoraro Scanio.

La raccolta statistica elaborata dall’Apat fotografa una situazione che conferma le molte ombre e le poche luci degli scorsi anni. Con un dato nazionale (563 chili prodotti annualmente procapite) che non si discosta poi molto dal record toscano (700 kg), è evidente che la gestione dei rifiuti resterà una rincorsa a una soluzione sempre più lontana e un costo pesante per la collettività (la spesa media procapite annua è di 123,12 euro).

La vera soluzione sarebbe abbattere il peso degli avanzi scartati dalla nostra società, cambiando alcuni eccessi negli stili di vita e intervenendo sul fronte degli imballaggi. Un duplice obiettivo che il Rapporto Apat mostra essere al momento molto lontano. La produzione nazionale di rifiuti urbani nel 2006 ha continuato infatti la tendenza a crescere degli anni precedenti, segnando un +2,7 rispetto al 2005, raggiungendo una quantità complessiva di 32,5 milioni di tonnellate. Le differenze con il passato individuate dall’Agenzia sono semmai nella geografia dell’immondizia: il Nord Italia, dopo un periodo di pausa, torna infatti in testa alla classifica delle macroaree dove la quantità di scarti prodotti aumenta maggiormente (+3% circa).

Davanti a queste performance la raccolta differenziata, in crescita costante ma lenta e con grandi squilibri regionali, può dare un contributo solo parziale. Nel 2006 su base nazionale la percentuale di rifiuti avviata al riciclaggio è stata del 25,8% contro il 24,2% del 2005, ma il dato medio oltre ad essere ben lontano dal 40% fissato come traguardo dalla legge del 2006, nasconde situazioni agli antipodi. La differenza maggiore si registra tra Nord e Sud, ma anche su scala regionale esistono realtà diversissime. Eclatante è la regione simbolo del degrado, la Campania, dove la media segna un 20%. Andando a leggere le cifre in profondità si scopre però che a Salerno e Avellino si oscilla attorno al 20%, che alcuni piccoli comuni sono molto virtuosi (Casamarciano, 3.309 abitanti, separa il 49,6% dei suoi rifiuti, seguito da Santa Maria La Carità, 11.385 abitanti, con il 44,7%), ma che nella grande area metropolitana di Napoli non si va oltre l’8%.

E le polemiche che fanno da contorno al caso campano hanno continuato a tenere banco anche durante la presentazione dei dati Apat, con l’annuncio da parte del ministro Pecoraro di un’informativa alla magistratura. “Per correttezza – ha spiegato – manderò alla magistratura la relazione della commissione del generale Jucci e la relazione interministeriale prodotta in collaborazione con il ministero dell’Innovazione sulle migliori tecnologie per l’ambiente, oltre a tutte le azioni e attività svolte in questi anni dal ministero dell’Ambiente”. Lo scopo di questa comunicazione, ha specificato il leader dei Verdi, è che la magistratura “possa verificare il boicottaggio sulle azioni a favore della raccolta differenziata e, in generale, il perché le sollecitazioni del ministero dell’Ambiente sono rimaste lettera morta”.

A voler cercare un dato positivo, quello che il Rapporto Apat dice con chiarezza è che soffocare sommersi dai propri rifiuti non è affatto un destino ineluttabile. Se la Lombardia grazie alla politica degli inceneritori si conferma regione leader nel limitare in conferimento in disarica (nel 2006 c’è finito “solo” il 17% dell’immondizia contro il 94% della Lombardia), ancora più importante è l’esempio della Sardegna dove puntando in maniera decisa sulla differenziata, anche attraverso la raccolta porta a porta, in un solo anno si è fatto un balzo dal 9,9% del 2005 al 19,8% del 2006.

 

Da la repubblica web

Per dirle tutte conosco il buonissimo andamento della città di Novara e provincia, sono arrivati al 60% della percentuale di differenziata, il Trentino Alto-Adige è la regione che riesce a differenziare di più, probabilmente nella statistica pubblicata ci sono altre omissioni, Il nord virtuoso,il centro che arranca e il sud dove non esiste con qualche isola felice.

Il futuro su questo aspetto non lascia scampo,dobbiamo renderci conto che è l’unica strada possibile per incenerire il meno possibile, altra strada percorribile è fare pressioni sulla politica degli imballaggi dei produttori e di chi trasforma la materia prima in confezioni adatte alla vendita, portare tutto ciò ai minimi termini è possibile, basta la volontà.

Fate il possibile per differenziare anche quando non è comodo il raccoglitore stradale, cosa che faccio settimanalmente nella mia città.

La tabella generale della produzione dei rifiuti non compare integralmente,problemi di spazio.

 Riporto i dati manualmente 2004 (31150) +3.7    2005 (31663) +1.6    2006 (32523) +2.7 

Rifiuti e raccolta differenziata, ancora molta strada da fareultima modifica: 2008-02-06T19:25:00+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Rifiuti e raccolta differenziata, ancora molta strada da fare

  1. Tra le tante vie potrebbere essere percorribile quella di costruire imballi ed affini con materiali riciclabili in formula ampia;non so se questo è possibile o già attuato seriamente,ma aggiunto all’utilizzo di imballi riutilizzabili (ricordi il vetro con il reso?) potrebbe aiutare non poco.
    Buona serata,Giorgio.

  2. Ciao Giorgio, qualsiasi progetto che aiuti la situazione è benvenuta,necessita educare la popolazione ha seguire delle elementari regole, a livello locale tirarsi su le maniche per organizzare il riciclo,la politica degli imballaggi ai minimi termini, la tua tesi del reso e il vuoto a perdere dove non sia possibile fare altrimenti.

    Poi anche su questo aspetto ci alliniamo all’Europa più evoluta.

    Alla prossima,Ivo

  3. buon giorno ivo, è un po provocatorio quel post lo riconosco, ma quello che voglio sottolineare è il come sono e cosa fanno quei personaggi, non la parte politica, essere rappresntati da un transessuali no-global e ex terroristi già mi fa girare i cosidetti che poi gli sia andata male e non possano avere il vitalizio mi da soddisfazione su questi sei d’accordo? e se quella legge sia stata fatta dal precedente governo non ne sono poi cosi sicuro buona giornata ivo

  4. Mi pare d’aver affermato che la legge della casta,di cui si parla in questi giorni, sia passata nel governo del messia, ma con il voto all’unisono, ho già scritto in molte occasioni che in questo paese abbiamo i politici più pagati d’Europa al contrario gli stipendi dei lavoratori dipendenti sono tra i più bassi.

    Quando statisticamente dalla dichiarazione dei redditi emerge che i gioiellieri guadagnano meno di un insegnante o di un impiegato medio, si potrebbe pensare ad una rivoluzione, pacifica s’intende.

    P.s.

    I gioiellieri sono un esempio a caso, il riferimento punta il dito su buona parte dei lavoratori autonomi.

    Saluti,Ivo

Lascia un commento