Dal blog di Beppe Grillo, il qualunquismo tendente alla deriva dittatoriale

Tu sei Beppe Grillo!

tuseibeppegrillo.jpg

La televisione è occupata dai politici che discutono di percentuali, coalizioni, apparentamenti, accordi di desistenza, collegi elettorali. E’ gente separata dal Paese. Dei fatti nostri, lavoro, salute, ambiente non parla mai. Ci spiegano che la politica è una vocazione, una missione. Una volta presi i voti si è politici a vita. Chi fa politica, lo ha affermato Franceschini, deve essere disposto a sporcarsi le mani. Tangenti, reati amministrativi, corruzione si possono sempre lavare con l’indulto, con le prescrizioni, con l’abolizione del falso in bilancio. Lo sporco impossibile non esiste. C’è sempre una legge ad castam che lo fa diventare bianco che più bianco non si può. Il politico italiano DEVE avere le mani sporche. In Inghilterra “civil servants”, da noi “dirty hands”.
Ieri è successo qualcosa a Anno Zero. Dopo aver ascoltato i politici (ma cosa vuol dire questa parola?), gli starnazzamenti della Prestigiacomo, le convulsioni di Furio Colombo e il nulla di Franceschini, un ragazzo ha preso la parola. Ha parlato di sicurezza sul lavoro, delle nuove povertà, di malattie (tumori) professionali. Gli ha gridato che sono persone inutili, ma ben pagate, che parlano a vanvera. Ha detto quello che pensano gli italiani. Un altro ragazzo è intervenuto. Un ventenne con occhiali e cravatta che ha ottenuto il massimo punteggio a un concorso pubblico senza avere padrini. E per questo è stato escluso. Ha spiegato che la destra e la sinistra non esistono. Sono concetti metafisici. E ha mandato a fanculo i nostri dipendenti.Questi ragazzi sono un esempio da seguire.
Tu che mi leggi sei Beppe Grillo.
Tu puoi andare in una trasmissione televisiva, alzarti in piedi e vendicare gli italiani. Tu puoi parlare di parlamento pulito, di precariato, di morti sul lavoro, di raccolta differenziata. Lo puoi gridare.Tu puoi fare una domanda a un dipendente sul conflitto di interessi, sul falso in bilancio, sull’indulto, su Europa 7, sulla corruzione di giudici per la Mondatori e PRETENDERE una risposta con una telecamera piazzata sulla sua faccia (*).
Tu sei Beppe Grillo.

(*) Inserire il filmato su You Tube con il tag: “Io sono Beppe Grillo”

liste_civiche.jpg

Leggi tutti i post della “Casta dei giornali

V2-day, 25 aprile, per un’informazione libera:
1. Inserisci le tue foto su www.flickr.com con il tag V2-day
2. Inserisci tuoi video su www.youtube.com con il tag V2-day
3. Sostieni il V2 day

Berlusconi_Duce.jpg
Clicca l’immagine

Il mio commento

 

Ieri sera non ho gustato particolarmente la “performance” di quel giovane,un mix di maleducazione e qualunquismo,con alcuni concetti importanti ma espressi in modo sconclusionato,tra una parolaccia e l’altra s’intende, se questa è la tua riproduzione mediatica,allora siamo fritti,concordo con l’affermazione di destra e sinistra,almeno quella che ci propinano i colossi mediatici,sono le due facce della stessa moneta,lo sproloquio di ieri sera è un film già visto, il qualunquismo gratuito che emerge da una condizione giovanile,la quale sta pagando le payette e i lustrini televisivi da cui si sono nutriti fin da quando erano bimbi e si scontrano nella realtà che farebbe schifo ad un albanese di Tirana di qualche anno fa.

Un cocktail esplosivo da deriva dittatoriale, cioè dalla padella alla fogna.

Brutto post caro Grillo, uno dei peggiori!!!

 

ivo serentha Commentatore certificato 08.02.08 20:54
Dal blog di Beppe Grillo, il qualunquismo tendente alla deriva dittatorialeultima modifica: 2008-02-08T20:55:00+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Dal blog di Beppe Grillo, il qualunquismo tendente alla deriva dittatoriale

Lascia un commento