Caterpillar, seguire attentamente le avvertenze


LINK FOTO COMUNICATI METANO L'INIZIATIVA LINK MATERIALI M'ILLUMINO DI MENO: LOGIN M'ILLUMINO DI MENO: LOGIN M'ILLUMINO DI MENO: VAI AL MOTORE DI RICERCA ENGLISH

L’INIZIATIVA >>
MATERIALI >>
PRESS >>
LINK >>
M’ILLUMINO DI MENO: LOGIN >>
M’ILLUMINO DI MENO: SCHEDA DI PARTECIPAZIONE >>
M’ILLUMINO DI MENO: VAI AL MOTORE DI RICERCA >>

M’ILLUMINO DI MENO 2008
Giornata Internazionale del Risparmio Energetico

>> IL DECALOGO DI CATERPILLAR

Per il quarto anno consecutivo Caterpillar, il noto programma di Radio2, in onda tutti i giorni dalle 18 alle 19.30, lancia per il 15 febbraio 2008 “M’illumino di meno”, una grande giornata di mobilitazione internazionale in nome del risparmio energetico.

Dopo il successo delle passate edizioni, Cirri e Solibello, i conduttori di Caterpillar, chiederanno nuovamente ai loro ascoltatori di dimostrare come il risparmio sia una possibilità concreta e reale a cui attingere oggi stesso per superare i problemi energetici che assillano il nostro paese e gran parte delle nazioni del pianeta. L’invito rivolto a tutti è quello di spegnere le luci e tutti i dispositivi elettrici non indispensabili il 15 febbraio 2008 dalle ore 18. Semplici cittadini, scuole, aziende, musei, gruppi multinazionali, astrofili, società sportive, gruppi scout, istituzioni, associazioni di volontariato, università, cral aziendali, ristoranti, negozianti e artigiani uniti per diminuire i consumi in eccesso e mostrare all’opinione pubblica come un altro utilizzo dell’energia sia possibile.

Nelle precedenti edizioni “M’illumino di meno” ha contagiato milioni di persone impegnate in un’allegra e coinvolgente gara etica di buone pratiche ambientali. Lo scorso anno il “silenzio energetico” coinvolse simbolicamente le piazze principali di tutt’Italia: a Roma si spensero il Colosseo, il Pantheon, la Fontana di Trevi, il Palazzo del Quirinale, Montecitorio e Palazzo Madama, a Verona l’Arena, a Torino la Basilica di Superga, a Venezia Piazza San Marco, a Firenze Palazzo Vecchio, a Napoli il Maschio Angioino, a bologna Piazza Maggiore, a Milano il Duomo e Piazza della Scala, a Pisa Piazza dei Miracoli, a Siena Piazza del Campo, a Catania Piazza del Duomo, ad Agrigento la Valle dei Templi, e centinaia di altre piazze in centinaia di altri comuni grandi e piccoli, grazie al prezioso aiuto dell’ ANCI, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.

La campagna di “M’illumino di meno 2008” inizierà il 15 gennaio e si protrarrà per un mese fino al 15 febbraio (vigilia dell’anniversario dell’entrata in vigore del protocollo di Kyoto), dando voce al racconto delle idee più interessanti e innovative, in Italia e all’estero, per razionalizzare i consumi d’energia e di risorse, dai piccoli gesti quotidiani agli accorgimenti tecnici che ognuno può declinare a proprio modo per tagliare gli sprechi.

Sul sito internet del programma www.caterueb.rai.it, sarà possibile segnalare la propria adesione alla campagna, precisando quali iniziative concrete si metteranno in atto nel corso della giornata, in modo che le idee più interessanti e innovative servano da esempio e possano essere riprodotte dagli altri aderenti.
Quest’anno la campagna “M’illumino di meno” è patrocinata Ministero dell’Ambiente e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La redazione di Caterpillar

e-mail: caterpillar@rai.it

 

Ottima iniziativa,atta a sensibilizzare lo spreco di consumi energetici, spegnendo simbolicamente le luci non indispensabili, per invitare all’utilizzo di lampadine a basso consumo,elettrodomestici a doppia-tripla,A.

Per chi vuole stupire l’installazione di doppi vetri nelle abitazioni e panneli solari e fotovoltaici.

Caterpillar, seguire attentamente le avvertenzeultima modifica: 2008-02-15T00:01:01+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Caterpillar, seguire attentamente le avvertenze

  1. immigrazione e manodopera, ok su questo non posso che darti ragione, però mi consenti una anlisi diversa dalle solite? non trovi scandaloso che noi facciamo di tutto per sottrarre le menti migliori a quei paesi? gente capace perbene istruita e vogliosa di migliorare non sarebbe bene che restasse nel proprio paese per migliorarlo? è un tema che potrebbe appassionare questo?

  2. ciao ivo, privilegi alle regioni autonome, risalenti agli anni 50-60 perchè dichiarate zone depresse, può essere che nel dopo guerra avesero un senso, ma ora, non hanno più senso di sussitere, la mia contestazione riguardava il carattere spesso spocchioso di costoro, che se chidi un caffè in italiano non lo capiscono ma se poi non lo vuoi pagare allora parlano correttamete anche otto lungue, mi spiace ma sono cosi, spocchiosi coi soldi degli altri, nella fattisecie dei veneti che sono stufi di questo

  3. L’infinita storia dei mancati finanziamenti alla ricerca, si avvicendano i governi d’ogni colore ma su questo tasto nulla cambia, paese difficile ma di questo passo avremo un avvenire quasi disastroso.

    Sulle decisioni di Livingstone, come avrai letto sono assolutamente d’accordo, le città possono essere assai migliori se vengono svuotate dalle auto, i mezzi pubblici sarebbero molto funzionali,le bici stile Amsterdam si moltiplicherebbero, una concezione tutta da rivedere e per chi vuole aver come si dice l’auto sempre attaccata al sedere…. paghi quel che è dovuto.

    Per ciò che riguarda le regioni autonome penso che solo le montagne stanno ferme, anzi manco più quelle ultimamente, se effettivamente si tratta di privilegi senza alcuna ragione, possono essere riveduti e corretti.

    Buon fine settimana,Ivo

Lascia un commento