Uolter in rimonta, una realtà solo mediatica a parer mio

Elezioni di Pirro
 

Foto di colodio da flickr.comIncredibile, ma vero: il Partito democratico corre il rischio di vincere le elezioni. Senza Udc, con La Destra di Storace che corre da sola, il Pdl di Silvio Berlusconi appare in difficoltà. La forbice tra i due schieramenti si riduce di giorno in giorno. Il clima nel Paese, ma mano che ci si avvicina ad aprile, cambia e il ritorno del Cavaliere a Palazzo Chigi non può più essere dato per scontato. A questo punto Walter Veltroni e il suo alleato Antonio Di Pietro devono compiere altri due passi per tentare di completare la rimonta. Il primo riguarda le liste elettorali: i candidati, o meglio i nominati, devono davvero essere nuovi e competenti. In Parlamento devono sedere molte donne, molti tecnici e molti amministratori locali che abbiano dato buona prova di sé. In assenza di primarie solo così il Pd potrà recuperare un po’ di credibilità.

Il secondo passo riguarda invece la squadra dei ministri: finora sappiamo che saranno dodici. A metà marzo sarà anche utile conoscerne i nomi e i curricula in modo di dare la possibilità agli Italiani di sapere che cosa scelgono.

Restano invece le perplessità sul programma elettorale: ridurre le tasse, aumentare i salari è un bella cosa. Ma sarebbe anche il caso che qualcuno spiegasse chiaramente quali spese verranno tagliate. Il buco nei bilanci dello Stato, lasciato ormai negli anni ’80 dagli uomini del vecchio pentapartito, ci dice infatti che i soldi non ci sono. E la lotta all’evasione, che pure sotto il governo Prodi ha dato risultati apprezzabili, da sola non basta: ci vorranno anni, anzi almeno un decennio o due, prima che in Italia tutti paghino le imposte come nel resto d’Europa
continua

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. elezionipdpdlveltronilibertà di stampa

permalink | creato da peter_gomez il 18/2/2008

 
 
Ritengo l’ipotesi remota, mi sovviene un parallellismo con le prossime elezioni negli States, chiunque vinca saranno infinitesime le differenze, ma al di là del ragionamento,ritengo solo mediatica questa affermazione della rimonta, atta a creare interesse, i numeri mancano al cosiddetto centro-sinistra ormai solo più centro, senza i voti della sinistra arcobaleno, Uolter  fara l’opposizione o tornerà ai vecchi propositi di volontariato in Africa, nonostante la benedizione di Montezemolo.
 
Tra il provare a correre da solo e il se po fà, di strada da recuperare al padrone d’Italia ne esiste ancora un lustro, in un paio di mesi solo qualche metrozzo potrà rosicare,nonostante i voti che probabilmente mancheranno a Casini fuori dai giochi,andranno integralmente all’asso pigliatutto.
 
Male che vada, l’Africa lo sta aspettando a braccia aperte, spero non spacchi qualcosa da quelle parti!!!

Uolter in rimonta, una realtà solo mediatica a parer mioultima modifica: 2008-02-18T20:56:31+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento