Dal blog di Beppe Grillo,globalizzazione

Economia globale, licenziamenti italiani

V2-day_Fo.jpg

 

Sei un lavoratore dipendente nel settore privato? Con un semplice test puoi conoscere il tuo futuro:
– caso numero uno: la concorrenza internazionale è troppo forte e l’azienda chiude: licenziato in tronco
– caso numero due: il costo del lavoro è più basso in Cina o in Romania e l’azienda si trasferisce in Cina o in Romania: licenziato in tronco.
– caso numero tre: la concorrenza internazionale è troppo alta, il costo del lavoro è troppo alto, sei assunto come precario, clandestino in nero o in bianco ma sottopagato. Si riducono gli investimenti in sicurezza: caduto sul lavoro.
– caso numero quattro: l’azienda è una multinazionale con una sede in Italia. I costi della burocrazia sono troppo alti, la tassazione sul lavoro è troppo alta e i servizi inesistenti e costosi. L’azienda trasferisce all’estero gli uffici o gli stabilimenti: emigrante.
– caso numero cinque: L’azienda, nonostante tutti i problemi, è in utile. Il prodotto è “Made in Italy”. L’azienda vuole aumentare gli utili. L’azienda sposta la produzione in Cina o in Romania. Il prodotto si chiama sempre “Made in Italy”. I profitti dell’azienda salgono: licenziato in tronco.

Pubblico la lettera di Simone, un licenziato che credo ricada nel caso numero 4. Farò un salto a Firenze per capire meglio.
Caro Beppe,
siamo 450 ragazzi della ditta Zanussi di Firenze, come sai il lavoro dei frigoriferi in Cina viene pagato meno. Se noi lo facciamo per dieci loro lo fanno per cinque e per questo ci vogliono chiudere la ditta. Pensa 450 famiglie con mutui da pagare e figli a carico e ci chiudono la ditta. Beppe, io penso che se vieni a Scandicci non ti fanno entrare dentro, però se ci avverti prima se vuoi ti scrivo il nome del mio sindacalista della CGIL, almeno se tu dovessi venire gli dici che sei Beppe Grillo, ma digli che sei quello vero sennò non ci crede. Volevamo fare una marcia sotto al governo a Roma, se vieni anche tu con noi ne saremo felicissimi.Io ti scrivo perchè lavoro lì da cinque anni, ma ci sono ragazzi che hanno superato i 40 anni che non sanno più dove andare .BEPPE ABBIAMO BISOGNO DI AIUTO SEI LA NOSTRA ULTIMA SPERANZA PER FAVORE NON CI FARE CHIUDERE A COSTO DI FARE UNO SPETTACOLO DAVANTI ALLA ZANUSSI PER NOI CI SI METTE DACCORDO E TI SI FA MONTARE UN PALCO. SE CI SONO I SOLDI SENNO FAI SUL PIANO STRADA O SU UNA MACCHINA.Se vieni in portineria prima, noi veniamo subito io come operaio e un delegato sindacale. Comunque se sanno che ci sei te si ferma tutta la fabbrica.” Simone

da il blog di Beppe Grillo.

Il mio commento

Bè,finalmente è chiaro cosa sia servita la globalizzazione,non è l’innalzamento delle zone più povere di questo pianeta, bensì rendere più poveri uniformemente,le super ricchezze per pochi che gestiranno gli stracci dell’umanità,un moderno giro vizioso per la rincorsa alla sopravvivenza.

Un messaggio in questo caso per nulla populista,al contrario la dura realtà.

ivo serentha Commentatore certificato 20.02.08 23:20
Dal blog di Beppe Grillo,globalizzazioneultima modifica: 2008-02-20T23:24:17+01:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Dal blog di Beppe Grillo,globalizzazione

  1. dici che non è òa realta? eppure i giornali sono pieni zeppi d racconti su questo mondo govanile violento, e la violenza non dipende da una condizione economica , ma da un acondizione demenziale questo si, quanto alla globalizzazione che dire? volevamo il mondo ed eccocelo l mondo, con tutto quello che ne consegue un salutp ivo

  2. Pony, non è mia intenzione sottovalutare il fenomeno, ma esistono varie categorie di giovani, prendere un certo numero di dementi mai educati e coinvolgere tutte le nuove generazioni, non è una buona disamina.

    Il mondo globalizzato è la realtà quotidiana, i no global (pacifici) sono quasi integralmente giovani, per pacifici s’intende la maggior parte di loro.

    Saluti,Ivo

Lascia un commento