Energia pulita e rinnovabile,speriamo sia la realtà in futuro come questo articolo riporta

L’energia rinnovabile supererà il nucleare
Da oggi al 2012 la produzione dall’eolico e dal solare conoscerà un incremento di quattro volte superiore a quello derivante da centrali atomiche

Secondo i dati elaborati dal Gse, in Italia, la potenza installata degli impianti fotovoltaici incentivati dal Conto Energia ha raggiunto, a fine febbraio, oltre 83 MW su tutto il territorio nazionale e gli incentivi finora corrisposti ammontano a 15 milioni di euro.
Complessivamente, tra vecchio e nuovo Conto Energia, sono entrati in esercizio 8.030 impianti, di cui 3.911 di piccole dimensioni (compresi tra 1 e 3 kW), 3.583 medi (tra 3 e 20 kW) e 536 di grandi dimensioni (oltre 20 kW).
Le Regioni con una maggiore potenza installata sono Trentino Alto Adige (9,5 MW) e Lombardia (8,9 MW), mentre quelle più in ritardo sono il Molise (139 kW) e la Valle d’Aosta (106 kW).

Ma la corsa è velocissima. Lo rende noto Qualenergia.it secondo la quale, dopo meno di due mesi  il fotovoltaico italiano ha superata la soglia psicologica dei 100 MW incentivati con il conto energia. Nel solo 2008 sono 28,5 i megawatt entrati in esercizio: ogni settimana, in media, 226 impianti per una potenza di 1,9 MW.
Oggi, gli impianti fotovoltaici in Italia, in esercizio e incentivati con il meccanismo del Conto Energia (vecchio e nuovo), sono 9.730 per una potenza di 100,61 MWp.
Un dato che va rimarcato e che può, di diritto, entrare nella storia nazionale dello sviluppo di questa tecnologia. Nelle prime 15 settimane del 2008, gli impianti entrati in esercizio sono cresciuti al ritmo di 226 e di 1,9 MWp di potenza per settimana.

Il ritmo di crescita del fotovoltaico e dell’eolico ha dato luogo a conclusioni incoraggianti da parte del direttore scientifico del Kyoto Club, Gianni Silvestrini, che relegano a medio termine il nucleare a procedura obsoleta e minoritaria.
Nel periodo 2008-12 la produzione addizionale di elettricità solare ed eolica sarà almeno 4 volte superiore rispetto al contributo aggiuntivo netto del nucleare
, considerando cioè anche le chiusure di vecchie centrali.
Un dato importante per indirizzare le politiche energetiche dei prossimi anni, sempre che ci sia chi voglia ascoltare.
Il contributo del fotovoltaico potrebbe crescere considerevolmente e sfiorare nel quinquennio di Kyoto (2008-12) una quota pari al 40% del contributo netto nucleare. Conteggiando anche il solare termodinamico il valore della produzione solare risulterà anche maggiore”.

[ da http://www.iltamtam.it/ ]

Da anni sentivo discorsi e concetti diversi,cioè per quanto si estenderanno le fonti di energia alternativa, difficilmente se non impossibile  sarà fronteggiare con ciò la richiesta sempre più grande di energia elettrica, le centrali nucleari sono i progetti più costosi e sono necessari una decina d’anni prima che possano esser teminate, il problema delle scorie non sono un’inezia,anzi,dal punto di vista ecologico per l’effetto serra sono a impatto zero.

Spero che questo articolo sia supportato dalla realtà,in questo caso sarebbe necessario un pool di tecnici nel  portare le loro tesi.vedremo se il futuro sarà solo questo o un misto.

Energia pulita e rinnovabile,speriamo sia la realtà in futuro come questo articolo riportaultima modifica: 2008-04-20T15:05:00+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Energia pulita e rinnovabile,speriamo sia la realtà in futuro come questo articolo riporta

  1. Mi associo alla tua speranza Ivo,
    il petrolio prima o poi finirà e l’utilizzo di forme di energia alternative è secondo me l’unica strada percorribile.
    Sono fermamente contrario alla creazione di centrali nucleari e spero che il nuovo governo non intraprenda questa strada, anche se le premesse non sono incoraggianti.

    Un saluto

  2. Max, questo sarà l’esecutivo dedito alle grandi opere,Tav,ponte sullo stretto e chissà cos’altro, con le centrali nucleari la cui opera è già nel cassetto,il tutto votato con i numeri che abbiamo visto,quindi non fasciamoci la testa,il popolo è sovrano.

    Notte,Ivo

  3. Non capisco perché siete spaventati dal nucleare. Tutti i paesi anche quelli molto più evoluti ed ecologici del nostro come Svizzera e Giappone hanno centrali nucleari molto sicure.
    Non si può avere bollette leggere senza le centrali nucleari e non si può essere competitivi con il nostro costo energetico e del lavoro.
    Tanto più che c’è stato un certo “ambientalismo italiano” che ha bloccato sia le centrali eoliche che le centrali fotovoltaiche.
    Al diavolo Grillo.. lui spara cazzate a titolo gratuito in quanto non lavora, non gestisce aziende e non fa neanche politica vera.
    Il futuro risiede solo ed esclusivamente nel nucleare e nella produzione di combustibile (idrogeno) da fonti rinnovabili.
    Siamo rimasti troppo indietro affidandoci a paure ed ad ideologie retrograde sconfitte in tutto il resto del mondo è ora di decidere se stare in Europa o diventare un paese centro africano.

  4. Non esiste problema, l’attuale maggioranza ha i numeri per decidere al ritorno dell’energia nucleare, tenendo presente che ha dei costi altissimi e il progetto durerebbe dai 7 ai 10 anni, esistono perplessità sulla sicurezza degli impianti e delle scorie radioattive, esse hanno raggiunto una buona sicurezza tecnologica, ma come si organizza qualsiasi cosa in questo paese??? a partire da un semplice termovalorizzatore, i controlli, delle possibili creste sulla sicurezza, non ci lasciano assolutamente tranquilli.

    Paese che vai,furbetti del quartierino che trovi,e qui siamo messi molto male.

    Saluti

Lascia un commento