Olio di semi di girasole,consigliabile la sospensione d’uso

allarme olio contaminato proveniente dall’ucraina

OLIO GIRASOLE:  coldiretti, SERVE OBBLIGO ORIGINE

 

L’allarme sull’olio di girasole contaminato proveniente dall’Ucraina conferma l’importanza di rendere obbligatoria l’indicazione di provenienza di tutti gli alimenti per consentire l’immediato ritiro dei prodotti a rischio e scelte consapevoli per i consumatori. E’ quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che al momento non e’ obbligatorio indicare sulle confezioni di olio di semi il paese di origine ma solo quello di confezionamento. Di fronte ai rischi alimentari che si moltiplicano, anche per effetto dell’intensificarsi degli scambi commerciali nell’alimentare, occorrono – sostiene la Coldrietti – scelte di trasparenza strutturali per garantire la salute dei cittadini. Nell’olio di girasole proveniente dall’Ucraina e sbarcato nel porto di Rotterdam per essere spedito in Spagna, Francia, Olanda ed in Italia sono state trovati idrocarburi dovuti presumibilmente – precisa la Coldiretti – alla contaminazione che si e’ verifica attraverso il passaggio dell’olio di semi in serbatoi dove era precedentemente depositato olio minerale. L’Italia – sottolinea la Coldiretti – ha importato nel 2007 oltre 215 milioni di chili di olio di girasole dall’estero dei quali quasi la meta’ provenienti dall’Ucraina (103 milioni di chili) che e’ stato il principale paese fornitore. Anche se in Italia prevale nettamente il consumo di olio di oliva, quello di girasole – precisa la Coldiretti – e’ il preferito tra gli oli di semi. Il fatto che il Ministero della Salute spagnolo abbia invitato i suoi concittadini a non consumare olio di girasole conferma la necessita’ – sostiene la Coldiretti – di bloccare immediatamente anche in Italia la vendita del prodotto contaminato proveniente dall’Ucraina. Di fronte alla situazione di incertezza occorre – conclude la Coldiretti – attivare nell’immediato tutte le procedure per l’identificazione del prodotto eventualmente contaminato per provvedere tempestivamente al suo immediato ritiro dal mercato anche con adeguate informazioni sulle ditte coinvolte.

[ da agi web ]

Come si auspica la Coldiretti non è sufficiente bloccare le importazioni e sequestrare il prodotto alle società che l’hanno importato, si devono comunicare in modo ufficiale i marchi che ne hanno fatto uso, da troppo tempo assistiamo a queste comunicazioni senza sapere quali siano le società coinvolte o al max con un ritardo considerevole.

Detto ciò anch’io consiglio l’olio extra vergine di oliva,il nostro prodotto doc,le coltivazioni di semi di girasole hanno una controindicazione importante, sono conosciute per essere particolarmente adatte per la pulizia dei terreni da eventuali sostanze tossiche,che ve ne sia traccia negli oli è assolutamente normale.

Meglio eventualmente cambiare neee!!!

Olio di semi di girasole,consigliabile la sospensione d’usoultima modifica: 2008-04-27T21:38:06+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento