Da Massimo Gramellini,le opere prioritarie

Il deserto del Silviahara

 

Gentile ministro Prestigiacomo, da quando il petrolio ha sfondato il muro dei 100 dollari, i pragmatici americani hanno ricominciato a trivellare con furia la loro terra. Brutto segno per chi ha sostenuto svariate guerre pur di poter andare a sforacchiare quella altrui. In California spuntano pozzi dappertutto. Persino a Beverly Hills, come nei romanzi di Chandler degli Anni Trenta. Si trivella sulle spiagge e accanto alle case dei divi. La compagnia petrolifera Pxp ha addirittura chiesto il permesso per trivellare un quartiere centrale di Los Angeles.

In questa battaglia disperata di retroguardia, non siamo certo noi italiani a poter fare la morale. Noi che trivelliamo il poco che si può, fra Molise e Basilicata, e cerchiamo di riconvertire alcuni impianti al carbone, come nei romanzi di Dickens dell’Ottocento. Eppure, prima o poi, a qualcuno dovrà pur venire il sospetto che il ventunesimo secolo sarà mosso da energie diverse da quelle dei secoli passati. Ce n’è una di cui abbondiamo in casa nostra. Anzi, in casa sua, signora ministro dell’Ambiente. La Sicilia centrale è infatti un deserto di proporzioni gigantesche e da anni Carlo Rubbia e altri scienziati sostengono che lo si potrebbe trasformare in un impianto solare di 50 km per lato, in grado di sfamare case e industrie di mezza Italia. Non credo costi più del Ponte sullo Stretto, ma le assicuro che servirebbe cento volte tanto. Lo suggerisca al Capo: ha più possibilità di passare alla Storia dando il suo nome a un deserto che a un cavalcavia.

[ da la stampa web ]

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/grubrica.asp?ID_blog=41&ID_articolo=444&ID_sezione=56&sezione=

Il mio commento

Le energie rinnovabili saranno da questo esecutivo in buona parte dimenticate,Scajola ha dichiarato oggi del progetto nucleare,il ponte sullo stretto si farà,il quale sarà come cominciare la costruzione d’una casa partendo dal tetto,sono le grandi opere ad interessare,tutto il resto è un piccolo contorno.

Da Massimo Gramellini,le opere prioritarieultima modifica: 2008-05-10T21:52:55+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Da Massimo Gramellini,le opere prioritarie

  1. Questo tuo sogno nel cassetto Joe, ho idea che sarà difficile da intravedere, considera questa legislatura blindata e con buone prospettive per i prossimi dieci anni,dall’altra parte governi ombra da cartoon e vera sinistra che si divide nuovamente.

    Un film da incubo e noi legati alla poltrona.

    Buon week end,Ivo

Lascia un commento