Dopo il comunismo ecco affiorare i nuovi nemici della democrazia

Marco Travaglio

Il personaggio più ” pericoloso ” la sua precisione e intendere giornalismo, fa di lui il vero destabilizzatore delle istituzioni,i suoi colleghi,i politicanti e chi tira i fili economici di questo paese non lo digeriscono,fa parte d’una razza diversissima dalla loro,non si piega alle volontà dei vari potentati e dai vincoli editoriali, del tutto lecito lo sbarramento e il fuoco di fila della categoria contro di lui, anche tra animali,nei branchi,chi è diverso viene allontanato,peccato che il popolo sovrano si sta accorgendo di lui,esiste il pericolo che faccia proseliti,dei futuri professionisti senza le briglie.

Michele Santoro

E’ stato allontanato con il primo editto bulgaro,dopo l’esperienza politica europea,decide il ritorno dopo aver vinto la causa contro la Rai,non impara nulla dalla prima lezione,continua con il suo giornalismo d’assalto,atto a verificare le storture italiane,per usare un eufemismo,la sua joint venture con Travaglio è pericolosissima, assolutamente meglio dimenticare entrambi,dalla prossima stagione è auspicabile che arrivino i soliti lacchè,tutto ciò diventerà in pandamme con l”attuale parlamento.

Molto pericoloso per le istituzioni

Beppe Grillo

Organizza a mitraglia V-day,il suo blog è tra i più cliccati al mondo,pur essendo un comico, riesce a volte confusamente nel fare libera informazione, i suoi post sono motivo di riflessione anche all’estero,è adorato dai grillini e organizza le neo liste civiche,cominciando dal basso a livello comunale,di lui i giornalai,meglio definirli così,sparano a zero, ma si consola affermando che i cortigiani degli editori hanno gli anni contati, con la diffusione della rete,web se preferite,finiranno le leccate….

Quando organizza V-day,riesce a far firmare milioni di persone per i referendum,i quali sono pericolosissimi per la continuazione della democrazia.

Assolutamente pericoloso,forse il peggiore tra i quattro.

Antonio Di Pietro

Nonostante questo sorriso fate attenzione,stategli alla larga,non è più da tempo un magistrato ma gli rimane l’aria inquisitoria,unico nell’attuale parlamento ad esprimere volontà d’opposizione,di lui il messia di Arcore ha detto che gli fa orrore,in effetti si sfogò molti anni fa con Colombo affermando,quello lo spacco, il feeling tra i due difficilmente nascerà,dei quattro è la mina vagante dentro le istituzioni,non ho idea se è il più pericoloso,ma tocca marcarlo stretto,potrebbe minare in modo irreparabile la democrazia,questa insostenibile leggerezza del volemuse bene!!!

Dopo il comunismo ecco affiorare i nuovi nemici della democraziaultima modifica: 2008-05-16T21:36:40+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

10 pensieri su “Dopo il comunismo ecco affiorare i nuovi nemici della democrazia

  1. Purtorppo gli eroi sono solo quelli dei fumetti e dei cartoon, la realtà è ben diversa!
    I quattro avranno un bel da fare solo per avere un pò di visibilità, altro è difficile sperare in un paese come il nostro, dove basta che ti promettono un buono acquisto da pochi euro per mandare in parlamento una squadra di mafiosi.

  2. Caro Ivo… si sa che le voci fuori dal coro vengono allontanate…la massa è quello che conta! Ma si è difeso bene Travaglio l’altra sera da Santoro e ha bacchettato bene Castelli che, per la prima volta, l’ho visto un po’ in affanno.
    Ciao Buona domenica Anna

  3. «A fare a gara a fare i puri, troverai sempre uno più puro che ti epura».
    Sarà mica sta frase l’essenza della vita?
    E’ difficile condannare un sistema…gli anticorpi appena sentono il pericolo avvicinarsi entrano in azione.
    Buon w end, Giorgio.

  4. Noto con piacere che l’argomento suscita interesse,del resto a parte queste voci fuori dal coro,la sinfonia legata alla politica e all’economia produce un suono melodioso, sono stati votati democraticamente e gli intendimenti di inciuci vari erano leggibili già dalla campagna elettorale, qualche dissidente deve pur esistere,io aggiungo, fortunatamente.

    L’informazione va a braccetto con la descrizione fatta,altrimenti il direttore d’orchestra tira le orecchie come preavviso e diventano pedate se l’ipotetico giornalista insiste nel scrivere ciò che gli pare,chi più,chi meno tiene famiglia o perlomeno deve sopravvivere,diventare Santoro o Travaglio sarà sempre più dura.

    Buona domenica a tutti, grazie per i vostri commenti,Ivo

Lascia un commento