Massimo Gramellini e la spettacolarizzazione dell’estremo saluto

Un brutt’applauso

 

Dei tre minuti di silenzio osservati dai cinesi per le vittime del terremoto colpiva soprattutto una cosa: il silenzio. Nelle immagini televisive nulla sembrava poter distogliere dal loro rigore quei corpi immobili e quelle labbra serrate. Un miliardo e trecentomila persone capaci di tenere la bocca chiusa e le mani ferme per tre minuti (il totale fa 7415 anni di silenzio: praticamente un’era glaciale). Il confronto con i funerali della ragazza di Niscemi assassinata dai coetanei non avrebbe potuto essere più deprimente. Applausi scroscianti alla bara, persino durante l’esecuzione del «Silenzio» da parte di un trombettiere.

L’applauso in chiesa o durante le commemorazioni negli stadi è un segnale drammatico di decadenza, tanto più perché pochi sembrano darvi peso. E’ figlio della maleducazione televisiva ed esprime l’ansia di riempire un vuoto. Nelle civiltà in declino ha perso il significato originario di approvazione ed è diventato il modo di comunicare agli altri la propria esistenza. Si applaudono i morti per sentirsi vivi, senza esserlo davvero: solo dei morti viventi, infatti, possono avere tanta paura del silenzio, che li costringe a sintonizzarsi con la parte più profonda di se stessi. Ma il ribaltamento degli impulsi naturali ha trasformato il silenzio in un segnale di freddezza e l’applauso in una forma di partecipazione. I cinesi cominceranno a perdere colpi il giorno in cui scopriranno che muovere le mani e la bocca è un ottimo sistema per mettere a tacere il cuore.

da http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/hrubrica.asp?ID_blog=41

Molti anni fa non esisteva questa consuetudine,l’estremo saluto veniva inteso come momento di triste riflessione nel ricordo della persona scomparsa,da qualche anno al contrario solo in talune situazioni, funerali di personaggi celebri o di omicidi efferati,la pubblica volontà ha modificato l’ultimo saluto solenne, trasformandolo come se fosse in questo caso l’ultima performance dello sventurato,altro segnale di come sia ben radicato l’effetto spettacolarizzazione indotta a piene mani dall’avvento della televisione privata,non riuscire più a distinguere comportamenti consoni alle varie occasioni è un segnale che denota a parer mio una discreta confusione, un vago senso di protagonismo affiora, nell’affermare quel giorno c’ero anch’io,concerti,spettacoli,sagra della patata,tutto va bene ugualmente, un mix da infondere appunto a piene mani.

Tutto ciò non lo confonderei con la tradizione dei colored americani,dove l’estremo saluto è ritenuto nella sua tragicità,la reazione musicale e canora. d’uno spirito positivo nel pensare ancora vivo il caro defunto, dove i nostri occasionali applausi,per chi pratica sia ben chiaro, sono davvero poca cosa.

La riflessione di Gramellini,morti viventi,la ritengo un tantino esagerata ma con ragioni di fondo.

Massimo Gramellini e la spettacolarizzazione dell’estremo salutoultima modifica: 2008-05-21T19:03:11+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Massimo Gramellini e la spettacolarizzazione dell’estremo saluto

Lascia un commento