Berlusconi,il giuramento sui figli e l’impunità consegnata dalla volontà popolare

Giura sui figli e annuncia che se accertate le sue responsabilità,smetterebbe di far politica e cambierebbe paese,il decreto non è ad personam ma ne godranno tutti i cittadini,i reati da colletti bianchi aggiungo io,quindi oltre il rischioso giuramento,fossi suo figlio mi toccherei gli zebedei o ferro per le figlie.
Sui bilanci romani della scorsa giunta, non ho elementi,si faccia chiarezza, se il deficit catastrofico sarà accertato,fosse la volta buona che uolterone nazionale va a fare il volontario in Africa,poichè il bilancio degli elettori ormai passati a destra,questo si che dovrebbe fargli fare le valigie,direzione sud-continentale.
La giustizia è la sua indipendenza nei prossimi tempi sarà messa a dura prova,dopo uolter e la sinistra desaparecidos,potrebbe toccare a loro.
Le prove tecniche di regime sono evidenti dal filmato pubblicato,ogni giorno un mattoncino è inserito alla causa.
Berlusconi,il giuramento sui figli e l’impunità consegnata dalla volontà popolareultima modifica: 2008-06-22T00:13:35+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Berlusconi,il giuramento sui figli e l’impunità consegnata dalla volontà popolare

  1. Bhè, saranno contenti i figli per questo “bel” giuramento…
    Io, comunque, mi segno la frase con la quale ha affermato che sta studiando coi propri legali l’idea di non usufruire della norma “sospendi-processi”. Voglio proprio vedere…

  2. Certo che se è vero quel che afferma sui conti del comune di Roma e regione Lazio….che paese…..Il cavaliere con i fattacci suoi, Casini con suo suocere immobiliarista, poi AN Fini ed i suoi “colonelli”,le sinistre con Unipol-Consorte, i furbetti del quartierino, MPS, le coop, Letta, D’Alema, Diliberto, Visco…..i sindacati poi……inconcludenti ammalati di immobilismo, utopie assurde, razionalità optional…
    Chi può fa bene ad andarsene. Qui può succedere di tutto e sarà il popolo a rimetterci, come al solito.
    Con rammarico

  3. Cronache ormai standard di casa nostra,chiunque vada a governare si porta i vari scheletri degli armadi,tra l’altro situazioni diffuse del popolo sovrano,per chi è giovane e coraggioso un tentativo oltre confine può esser preso in considerazione.

    Saluti Fabrizio,Ivo

  4. sono stato all’estero per alcuni anni, per lavoro, circa diciasette anni or sono.
    Sono tornato in Italia perchè sono innamorato del mio paese, ma vedo il futuro incerto.
    E non possiamo mica trasferirci tutti oltre confine!
    Dovremmo cercare uomini di spessore. capaci, ma non ne vedo in questa compagine politica. E probabilmente mi ero illuso in quelle passate. Mah!
    Negli ultimi anni sono state aiutate solamente le grandi imprese, banche ed assicurazioni, e le piccole e medie imprese che danno lavoro sono state calpestate, forse è stato un grande errore.
    Io abito ad Abano terme, staranno chiudendo almeno una decina di negozi nella zona del centro e qui i commercianti si danno un gran daffare visto che tengono aperto di domenica, la sera spesso ed organizzano manifestazioni più o meno culturali….
    Speriamo bene, ma non vedo politici, mancano uomini di governo. Che pensano al bene del popolo, del paese. Ed il popolo non sa che fare.

  5. Naturalmente non sono possibili emigrazioni di massa,ma fossi giovane prenderei al volo qualsiasi opportunità,oltre un precariato selvaggio cronico per chissà quanti anni,una pressione fiscale troppo elevata,nella quale non si riscontra una qualità all’altezza dei servizi verso i cittadini,un’istruzione non adeguata alla preparazione degli studenti verso il mondo del lavoro,la mancata meritocrazia,i pochissimi investimenti verso la ricerca scientifica,l’unica che potrebbe darci delle chance per combattere lo strapotere delle nuove economie orientali,la lentezza estenuante per i procedimenti della giustizia,le morti bianche che non hanno eguali come numero di vittime nell’area euro e dulcis in fundo,si fa per dire,un’evasione fiscale vergognosa anche questa non riscontrabile sempre a livello continentale.

    Questo non è disfattismo,ne pessimismo,ma la cruda realtà dei fatti.

    Saluti

Lascia un commento