Saradisperata e i salti mortali carpiati della precarietà

Approfittando della pausa estiva, durante la quale la gente legge meno giornali e non si rincoglionisce davanti alla televisione, il nostro governo ha pensato bene di assestare un ulteriore colpo al miserrimo universo dei precari. I giudici non avranno più la possibilità di reintegrare il lavoratore che abbia subito un abuso delle sue prestazioni né tantomeno varrà il limite dei 36 mesi per il lavoro a tempo determinato. Sacconi intanto fa il vago: non è mica un’iniziativa del governo, la proposta è stata vagliata dal Parlamento. Allora fuori i nomi e i cognomi dei parlamentari che l’hanno ratificata, sempre che abbiano il coraggio di metterci la faccia in una vergogna simile.

Natale arriva in anticipo con un altro regalo alla Confindustria da parte di Berlusconi e dei suoi amici. Un tale Italo Bocchino, che io pensavo fosse il nome di un pornodivo della scuderia di Schicchi e invece, ironia della sorte, è un conservatore (vedi Wikipedia) ha il coraggio di affermare che è una norma equa per lavoratori e azienda: io ho trovato equo fissare il suo volto impresso nella memoria per lapidarlo nel caso lo incontrassi per strada.

Poi c’è una storia raccontata dal Corriere della Sera: Andrea Zeppa, uno studente  universitario di 23 anni si è licenziato dopo essere passato da un contratto atipico a un tempo indeterminato.

A me questa flessibilità serviva, afferma candidamente.
 
Caro Andrea, se mai avrai la possibilità di leggere queste righe, devi sapere che circa il 99% delle aziende usa i contratti a progetto per pagare meno lavoratori che svolgono lo stesso lavoro di un dipendente regolare. Gli sciagurati interventi dei sindacati, come li chiami tu, hanno assicurato a te e ai tuoi colleghi diritti, quali ferie, malattia, liquidazione, che attualmente ci sembrano un’utopia, ma che sono i principi che stanno alla base di un rapporto di lavoro dignitoso.

Non conosco te né la tua vita, ma se hai rinunciato a un lavoro a tempo indeterminato ipotizzo, e la metto giù così, che tutto questo bisogno di lavorare non ce l’hai, probabilmente hai le spalle coperte dalla tua famiglia, e il tuo lavoro al call center probabilmente era solo un piacevole diversivo da abbandonare quando l’impegno si è realmente concretizzato. Posso capire che lavorare in un call center non era la tua massima aspirazione, ma c’è gente di trenta, magari quaranta anni che lo fa quel lavoro che tu chiami massacrante, e lo fa perché ci paga l’affitto, ci da da mangiare ai figli.

Ti faccio una proposta: risentiamoci tra dieci anni e vediamo se, parlando di flessibilità, che in Italia equivale a precariato, sarai ancora della stessa idea.
Ti auguro sinceramente, senza polemica, di riuscire a crescere e di non dover provare mai cosa vuol dire non essere in grado di sapere se fra sei mesi potrai permetterti ancora di pagare l’affitto.

post prelevato dallo spazio di Saradisperata

http://trentennedisperata.splinder.com

Fa piacere prendere atto della consapevolezza di questa giovane ragazza ormai trentenne…la quale nella sua disperazione denuncia i retroscena della precarietà imperante del sistema lavorativo italico,l’ultima trovata dell’attuale esecutivo di congelare i precari stile findus non l’ha digerita e chi potrebbe del resto,la botta e risposta con il suo coetaneo è molto interessante.

Spero che la denuncia si diffonda nella coscienza dei giovani di questa generazione,sono pochini a prima vista,lo sporco lavoro mediatico che ho denunciato in varie occasioni ha recato danni palpabili,tra qualche decennio le stronzate spalmate nella varie televisioni, non saranno sufficienti per mitigare l’incazzatura di giovani e meno giovani con le difficoltà di sopravvivere.

Un minimo di visibilità commerciale se l’è meritato la neo scrittrice,auguri per molte copie vendute.

Mi vendo, il mio libro
Saradisperata e i salti mortali carpiati della precarietàultima modifica: 2008-08-05T00:12:00+02:00da iserentha
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Saradisperata e i salti mortali carpiati della precarietà

  1. Semplicemente buongiorno….
    Scappo.. il lavoro aimè mi attende…
    Con molta più calma tornerò sicuramente a leggere….
    mmmmm…quell’immagine con scritto a caratteri giganteschi “Affittasi amante” è interessante!!!;-)))) ehehehe
    by a prestissimo Silvia

  2. Buona giornata a voi,Alfa e Silvyn,spero che le varie Sara e versioni maschili di questo paese si sveglino dal torpore,una presa per i fondelli insostenibile,il lavoro dipendente ormai è considerato puro sfruttamento dai soli furbetti con molti denari in banca…

    Silvyn,prendiamolo come sfottò e contestazione il provocatorio cartello,purtroppo sta diventando una realtà in espansione.

    Ivo

Lascia un commento